AMBIENTE. Infrastrutture Lombardia: Regione approva Legge Obiettivo

La Giunta regionale lombarda ha approvato ieri la nuova Legge Obiettivo numero 226 in materia di infrastrutture. Il voto – rinviato nella seduta precedente per mancanza del numero legale – è stato espresso in maniera favorevole dalla maggioranza, con l’astensione del Pd e il parere contrario del resto dell’opposizione (Sd e Prc). La legge intenderebbe velocizzare la realizzazione di infrastrutture strategiche varie o ferroviarie di interesse nazionale per le quali è già stato riconosciuto il "concorrente’ interesse nazionale e regionale". Scopo dichiarato del provvedimento è la riduzione delle procedure introducendo la regionalizzazione dell’istruttoria e assegnando alla Regione tutti quelli strumenti utili per superare l’eventuale inerzia degli organi statali.

In sintesi, qualora non si raggiungessero le intese per regolare ruoli, competenze e tempi, la Regione potrà intervenire con propri provvedimenti per evitare che eventuali lentezze da parte degli organi statali competenti possano frenare la realizzazione delle infrastrutture. Con l’approvazione di questa norma è possibile inserire all’interno della concessione per la costruzione di nuove strade e autostrade anche la possibilità di realizzare insediamenti e strutture di vario genere nelle aree vicine al tracciato. Il provvedimento prevede anche l’avocazione alla Regione di una serie di prerogative decisionali e autorizzative finora in capo al Governo nazionale. Delle nuove norme potranno beneficiare opere come la Pedemontana, la Brebemi e la Tem, oltre alle tratte ferroviarie Arcisate-Stabio, la connessione Malpensa-Ferrovie Sempione, la Chiasso-Monza e la Gallarate-Rho.

 

"Oltre all’aspetto contraddittorio nei confronti delle competenze governative – afferma Pietro Mezzi, assessore al Territorio e Parchi della Provincia di Milano – va lanciato un vero e proprio allarme per lo stravolgimento del territorio che questa norma comporta. Da oggi, infatti, sarà possibile intasare per una larga fascia i nuovi tracciati con insediamenti indiscriminati, al solo scopo di permettere al concessionario di ripagarsi l’opera in assenza di un ritorno economico dai pedaggi. Bisogna porsi l’obiettivo di ricostruire il paesaggio attorno al tracciato di una nuova autostrada, e cercare di contestualizzarla, non costruirle intorno capannoni e centri commerciali stravolgendo il territorio. In questo modo – continua l’assessore Mezzi – si produce un impoverimento complessivo dell’ambiente e ci allontaniamo dalla positive esperienze realizzate in molti Paesi esteri, dove si cerca di ridare fisionomia e qualità al paesaggio attorno ai grandi tracciati". Diversa la posizione della maggioranza regionale, secondo cui "la via del federalismo deve passare anche per autostrade e ferrovie", come ha dichiarato l’assessore alle Infrastrutture della Lombardia, Raffaele Cattaneo, che usa proprio il termine di ”federalismo infrastrutturale” per descrivere la legge appena approvata. "La speranza, adesso, è che la legge non venga impugnata dal governo – ha continuato Cattaneo – non mi sorprenderebbe se dei funzionari ministeriali proponessero il ricorso perché la nostra legge è innovativa, ma su questo misureremo la politica”.

Sulla legge, ha ricordato il presidente della commissione Territorio del Consiglio regionale Marcello Raimondi, c’è già stato un confronto con i ministri del passato Consiglio. ”Per questo siamo sereni sul fatto che al governo non interessi fare ricorso, tanto più che l’attuale maggioranza parlamentare ha un orientamento federalista. Il ricorso sarebbe un un autentico controsenso”. Comunque, il Consiglio ha approvato anche un ordine del giorno per chiedere al governo di approvare una legge speculare a quella della Lombardia, che dia alle Regioni la possibilità, nel caso di infrastrutture concorrenti, di fissare discipline istruttorie più snelle e veloci.
”Quello che facciamo è prenderci tutti gli spazi di federalismo che ci consente la Costituzione” ha aggiunto Cattaneo spiegando che l’effetto della Lgge obiettivo regionale "sarà quello di tagliare i tempi e abbassare i costi". Diversa la visione dell’opposizione di sinistra, secondo cui la legge lombarda stravolgerà in maniera irresponsabile il territorio.

"E’ una legge miope e irresponsabile, poiché assume come bussola e ratio suprema la fretta di fare le grandi opere autostradali, come Pedemontana, Brebemi e Tem, senza porsi troppi problemi sul come operare e sul conseguente impatto ambientale e territoriale", afferma in una dichiarazione Luciano Muhlbauer, consigliere regionale lombardo del Prc. "La nuova legge, infatti – sottolinea Muhlbauer – non prevede soltanto un potere sostitutivo da parte del Governo regionale rispetto a quello nazionale in caso di ritardi procedurali, ma inserisce con l’articolo 10 una sorta di maxi-deroga agli strumenti urbanistici e paesistici, laddove stabilisce che le concessioni per le infrastrutture, approvate dal Presidente della Regione, possono comprendere anche l’autorizzazione per l’edificazione delle aree limitrofe. E come se non bastasse, la definizione di cosa e dove esattamente si può costruire, è talmente ambigua e generica, che praticamente tutto diventa possibile. E l’unico vero criterio per tali interventi diventa così che i margini operativi di gestione possano contribuire all’abbattimento del costo dell’esposizione finanziaria dell’infrastruttura". La preoccupazione della sinistra che ha votato contro – mentre il Pd si è semplicemente astenuto – è che questa norma sia anticostituzionale. "Pur guardando con favore alla partecipazione di privati per la costruzione delle opere infrastrutturali – ha rimarcato il vicepresidente del Consiglio Marco Cipriano (Sd) – credo che questi soggetti dovrebbero investire non per un tornaconto diretto ma attraverso i benefici indiretti sulla attività economica". Una delle questioni più discusse, infatti, riguarda l’articolo che prevede la possibilità che le concessioni riguardino non solo i tracciati ma anche le zone a loro vicine per "ottenere maggiori introiti".

Contro questo punto diverse associazioni – fra cui Italia Nostra e Rete Lilliput – hanno iniziato una raccolta firme e proposto un emendamento per cancellare la norma, presentato in primis dal consigliere del Prc Muhlbauer. "Poiché sono noti e significativi i problemi finanziari che comportano le faraoniche opere autostradali – ha spiegato Muhlbauer – Regione Lombardia non trova di meglio che offrire come una preda il territorio più o meno adiacente al tracciato delle autostrade". Ha parlato invece di un "miglioramento" il consigliere dell’Udc Gianmarco Quadrini, mentre Stefano Tosi del Pd ha spiegato la scelta astensionista come una "perplessità su alcuni strumenti e alcune incongruenze con la legge urbanistica, anche se è una misura importante perchè va nella direzione di ridurre i tempi delle procedure di progettazione e realizzazione delle infrastrutture decisive per il territorio, oggi oggettivamente troppo lunghe e farraginose e perché può avere un impatto positivo sulle politiche di sviluppo".

Comments are closed.