AMBIENTE. Inizia domani la “Settimana azzurra di Vivere il Mare”

Domani 22 ottobre prende il via la "Settimana azzurra di Vivere il Mare", la manifestazione finale di una delle quattro campagne di sensibilizzazione rivolte ai giovani e promosse dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Si tratta di un’iniziativa ormai storica, promossa in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare e diretta a tutte le scuole secondarie di secondo grado italiane allo scopo di sensibilizzare studenti e insegnanti sull’importanza del nostro patrimonio marino.

Centinaia di studenti con i loro insegnanti, provenienti da tutta Italia, si troveranno a Vieste, provincia di Foggia, a partire da mercoledì, per dare vita al "Videofestival Vivere il Mare 2008". Sabato 25 ottobre ci sarà la cerimonia di premiazione finale, realizzata in collaborazione con l’Assessorato al turismo della Regione Puglia.

"Il mondo della pesca italiano – ha commentato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia – merita l’attenzione dei giovani. Il lavoro del pescatore è difficile, molto impegnativo, a volte anche pericoloso. I pescatori rappresentano una componente importante della nostra società, e per il rilievo economico ed occupazionale del settore, e per gli aspetti culturali che il mondo della pesca ha trasmesso a tutti noi. L’iniziativa Vivere il Mare – ha continuato Zaia, nel suo saluto ai partecipanti – è ormai giunta alla sua quindicesima edizione. Un tale continuità dimostra l’attenzione del nostro Ministero ai giovani. A loro, a tutti gli studenti e agli insegnanti va il mio benvenuto e l’augurio per un soggiorno lieto e ricco di esperienze".

Gli studenti trascorreranno un’intera giornata dedicandosi alle attività della pesca e dell’acquacoltura, fra Mattinata e Manfredonia. "Sono convinto – ha concluso il Ministro – che questa iniziativa li avvicinerà al complesso e affascinante mondo dei pescatori italiani".

Negli anni il progetto "Vivere il Mare" si è progressivamente evoluto, affiancando, alla storica attività di sensibilizzazione scolastica, una linea di informazione specializzata che ha aumentato la qualità e l’incisività della comunicazione fino a portare il mare e le sue risorse nelle case degli italiani attraverso l’utilizzo integrato di televisione, radio, stampa, internet. La divulgazione attraverso il media televisivo e il web è strumentale all’ampliamento del raggio di azione delle attività dedicate alle scuole. Questa linea di comunicazione ha posto in massima evidenza l’interazione tra le componenti scolastiche, le tematiche proposte dalle varie campagne, i Partners istituzionali promotori e sostenitori.

In televisione, il marchio "Vivere il Mare" ha siglato inserti e servizi "dedicati" ai progetti, ai video, alle attività, alle manifestazioni che coinvolgono le scuole, andati in onda su Rai1 ("Linea Blu"), Rai2 ("Sereno Variabile"), Raitre ("Screensaver"). Il contatto con l’universo scolastico, stabilito fin dall’avvio delle prime campagne di comunicazione a marchio "Vivere il mare", è stato un "test" di verifica fondamentale, propedeutico alla diversificazione delle azioni e alla strategia di utilizzo dei mezzi di comunicazione di massa, un fattore trainante per l’allargamento dell’azione di informazione e di sensibilizzazione che ha potuto raggiungere e coinvolgere, progressivamente, l’intera opinione pubblica con l’uso dei media radiofonici, televisivi, multimediali.

In 17 anni di attività del progetto scolastico i risultati sono stati:

  • oltre 8.000 incontri nelle scuole superiori di tutte le regioni italiane;
  • migliaia di video prodotti da studenti e insegnanti;
  • centinaia di progetti ambientali;
  • milioni di opuscoli tematici, bandi di concorso, CD Rom multimediali;
  • 14 edizioni della "Settimana Azzurra Video Festival di Vivere il Mare";
  • passaggi radiofonici e televisivi su tutte le emittenti nazionali e regionali;
  • grande rilievo sulla stampa nazionale e locale.

Comments are closed.