AMBIENTE. La Folletto si impegna per un corretto smaltimento dei rifiuti

La Vorwerk Folletto, l’azienda che produce il famoso aspirapolvere, scende in campo per la tutela ambientale e per la promozione di un corretto smaltimento dei rifiuti. Con la costituzione del Consorzio Ecoped e con il coinvolgimento di tutta la rete dei propri Centri Assistenza ha posto l’attenzione sull’importanza di un corretto smaltimento dei rifiuti che derivano da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee). Inoltre la Vorwerk Folletto si è impegnata a prevedere contributi per chi invierà agli impianti di riciclaggio i propri rifiuti, per sostenerne le spese di smaltimento.

Il Consorzio Ecoped, di cui l’azienda è tra i soci fondatori, oggi raccoglie più del 70% dei produttori dei piccoli elettrodomestici. "Un Consorzio che non ha scopo di lucro e che viene gestito con precise logiche di tipo industriale e imprenditoriale", precisa, in una nota, Daniele Zanotti, Customer Service Manager di Vorwerk Folletto e Contempora. "Si tratta di un servizio che si sviluppa su di una rete a livello nazionale e che garantisce il corretto trattamento dei rifiuti".

In questa azione, Folletto ha voluto coinvolgere anche i Centri Assistenza riconosciuti non solamente responsabilizzandoli su quanto previsto dalle normative, ma anche mettendo a disposizione il Consorzio Ecoped per il ritiro e il corretto smaltimento dei pezzi di ricambio in garanzia non più utilizzabili. Schede elettroniche, parti in plastica, motori e cavi dovranno essere consegnati al personale dei servizi di Ecoped che provvederà alla differenziazione dei materiali destinando ogni tipo all’impianto di riciclo. Quanti chiederanno l’intervento di Ecoped, riceveranno la documentazione dell’avvenuto smaltimento.

I primi riscontri avuti dall’attività del Consorzio sono decisamente confortanti: "In pochi mesi di attività abbiamo già raccolto tonnellate di rifiuti" ha spiegato in un comunicato Filippo Culasso referente di Ecoped. "Un quantitativo che è destinato ad aumentare in modo esponenziale". Il Consorzio, fondato da 7 grandi case produttrici di piccoli elettrodomestici conta oggi più di 400 soci, un numeroso gruppo di aziende che si sono dimostrate attente ai valori ambientali. "Il nostro obiettivo principale è quello di incrementare ulteriormente la raccolta in modo da essere sempre più competitivi per affrontare i costi del riciclaggio", ha concluso Culasso. Ecoped opera in collaborazione con il Consorzio Ridomus: questo permette un’ottimizzazione delle risorse e il contenimento delle spese.

Comments are closed.