AMBIENTE. Le istituzioni Ue cooperano per ridurre l’inquinamento nel Mediterraneo

Presentato oggi dalla Commissione europea e dalla Banca europea degli investimenti uno studio sugli investimenti potenziali per ridurre l’inquinamento di alcune zone sensibili dei Paesi del Mediterraneo meridionale e orientale. Lo studio effettuato nell’ambito dell’iniziativa della Commissione Horizon 2020, che ha come obiettivo la lotta contro le principali fonti di inquinamento nel Mediterraneo, ha riconosciuto la necessità di stabilire un programma di aiuti ai Paesi del Mediterraneo meridionale e orientale per ridurre i loro rifiuti inquinanti gettati in mare.

La degradazione del Mediterraneo minaccia circa 143 milioni di persone che vivono lungo le coste e ostacola lo sviluppo a lungo termine di settori economici importanti come la pesca e il turismo. Il programma di investimento "zone sensibili o punti caldi" per il Mediterraneo (MeHSIP) e l’iniziativa Horizon 2020 si inscrivono nell’ambito della politica di cooperazione dell’Ue con i Paesi meridionali e orientali del Mediterraneo che partecipano al processo di Barcellona. Horizon 2020 è stato lanciato a novembre 2006 e tra le sue azioni prevede una collaborazione tra la Banca europea degli investimenti o la Banca Mondiale e i Paesi donatori, in vista della selezione di progetti con una grande incidenza sul livello di inquinamento nel Mediterraneo.

Il Commissario europeo responsabile dell’Ambiente, Stavros Dimas ha dichiarato: "E’ imperativo che l’Unione europea lavori con i suoi vicini mediterranei per la salvaguardia dell’ambiente di uno dei principali mari del mondo. Dobbiamo cooperare tutti per mobilizzare le risorse necessarie a preservare il Mediterraneo". Le acque del Mediterraneo bagnano 22 Paesi e, oltre ai residenti delle zone costiere, ogni anno si aggiungono 175 milioni di visitatori, quindi il benessere di tante persone dipende dalla qualità dell’ambiente del Mediterraneo.

Philippe de Fontaine Vive, Vicepresidente della Banca europea degli investimenti, ha dichiarato: "Il Programma di investimenti Punto Caldo (MeHSIP) è un importante punto di partenza per uno sforzo congiunto tra le istituzioni finanziarie internazionali e bilaterali nella messa in atto degli obiettivi di Horizon 2020. A tal fine siamo pronti a sostenere i paesi partner mediterranei negli investimenti finanziari necessari".

LINK: PDF del Programma di investimenti

Comments are closed.