AMBIENTE. Legambiente aderisce alla Carta delle Città per il Clima

Carta delle Città e dei Territori d’Italia per il Clima: arriva l’adesione di Legambiente. Aumenta in questo modo l’adesione al documento, realizzato da Agenda 21 insieme all’associazione dei Comuni e all’Unione delle Province (Anci e Upi) che candida i Comuni, le Province e le Regioni d’Italia ad avere un ruolo attivo nel raggiungimento degli impegni sottoscritti dal Governo rispetto al Pacchetto 20+20+20 dell’Unione Europea e nell’ambito dei negoziati che si terranno a Copenhagen a dicembre 2009, quando verranno ridiscussi i contenuti dell’accordo che sostituirà il Protocollo di Kyoto. Fra i Comuni che hanno aderito alla Carta ci sono Bologna, Firenze, Milano, Padova e Roma, fra le Province Modena, Ancona, Catanzaro, Lucca, Palermo, Rovigo e fra le Regioni l’Emilia Romagna e la Liguria.

Per il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza nel contesto di lotta ai cambiamenti climatici "bisogna tenere conto del ruolo fondamentale delle città in quanto responsabili di gran parte delle emissioni inquinanti totali e del 40% dei consumi energetici nazionali, senza trascurare il fatto che proprio nei centri urbani si manifestano in modo eclatante e pericoloso i fenomeni climatici estremi, come l’afa e il caldo torrido o le piogge torrenziali".

"L’adesione di Legambiente è determinante – ha sottolineato Emilio D’Alessio, presidente di Agenda 21 Italia – non solo perché si tratta di una delle più importanti organizzazioni italiane ma anche perché dimostra ulteriormente che nel nostro paese, le amministrazioni locali e la società civile, sentono il desiderio preciso di andare oltre alle divisioni ed agli schieramenti politici e sono pronte a prendere sul fronte dei cambiamenti climatici un impegno condiviso."

Comments are closed.