AMBIENTE. Lombardia, al via accordo fra Regione, Arpa e Carabinieri per vigilanza su territorio

Tutelare in modo efficace l’ambiente ed il territorio e prevenire le attività illecite da parte delle organizzazioni criminali. Sono i principali obiettivi dell’intesa appena siglata fra Regione Piemonte, Arma dei Carabinieri ed Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente). L’accordo, di durata triennale, è stato sottoscritto ieri dall’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente, Marco Pagnoncelli, dal ten. col. Michele Vito Sarno (Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente) e dal presidente di Arpa Lombardia, Carlo Maria Marino. Per la realizzazione del progetto è previsto un finanziamento annuo di 150mila euro.

La vigilanza del territorio per la salvaguardia del patrimonio naturale richiede la collaborazione attiva di più soggetti. "Il Protocollo – ha affermato l’assessore Pagnoncelli – consente un più efficace monitoraggio in una regione, come la Lombardia, in cui esistono peculiarità importanti dal punto di vista ambientale che vanno tenute sotto controllo. Abbiamo gettato le basi per migliorare una collaborazione nata già alcuni anni fa con l’Arma dei Carabinieri – ha proseguito Pagnoncelli – e che si arricchirà di un aspetto importante: la formazione dei nostri tecnici regionali e di quelli dell’Arpa in un sistema di scambio di conoscenze con i reparti specializzati dei Carabinieri". "Gli accordi già operativi con Regione Lombardia per i rifiuti transfrontalieri – ha precisato il ten. col. Sarno – oggi si estendono ad ambiti più vasti con la collaborazione di Arpa che può dare il suo contributo nell’analisi di siti di bonfica, siti contaminati e nella gestione dei rifiuti di tipo industriale".

 

Comments are closed.