AMBIENTE. MDC Palermo: “L’amministrazione comunale non sa governare ma subisce le emergenze”

"Le condizioni meteo climatiche contribuiscono ad evidenziare lo stato d’inquinamento ormai cronico della qualità dell’aria a Palermo". E’ l’allarme lanciato dal Movimento Difesa del Cittadino (MDC) Palermo che, insieme a Legambiente, scrive in un comunicato che "non è più possibile tergiversare". "La regola amministrativa in questa città è diventata subire le emergenze" denunciano le associazioni.

"Dai rifiuti alla qualità dell’aria l’amministrazione comunale dimostra di non avere capacità di governo. Il sindaco Cammarata – continua la nota di MDC Palermo – è latitante di fronte alle sue responsabilità e dimostra di non aver saputo gestire l’ordinaria amministrazione e di averla trasformata in costante emergenza".

"Da anni ribadiamo che la pubblica amministrazione può governare il territorio e rispondere alle esigenze dei cittadini se inizia a programmare, progettare e pianificare gli interventi. Purtroppo i piani di gestione sono semplici chimere. Dal piano urbano del traffico al piano di razionalizzazione acustica ma anche e soprattutto ai piani industriali di sviluppo e gestione dell’Amia e delle altre società di servizio, rimangono nel migliore dei casi nei cassetti".

Secondo l’Associazione dei consumatori "i palermitani diventano inconsapevolmente oggetti su cui fare ricadere l’incapacità amministrativa". "Negli anni hanno subito aumenti di tasse e tariffe, balzelli pagati per servizi insufficienti e anacronistici fino a giungere all’emergenza. A questo punto – conclude la nota di MDC Palermo – il sindaco deve decidere di dimettersi o finalmente decidere di governare il processo di trasformazione della città".

Comments are closed.