AMBIENTE. Manifestazione Greenpeace a Bruxelles: “Più pesci meno pesca”

Gli attivisti di Greenpeace hanno costruito un enorme modello di peschereccio davanti al Consiglio Ue a Bruxelles. Slogan: "Europa: più pesci meno pesca". La richiesta: mettere fine al saccheggio degli oceani e rivedere la politica della pesca per recuperare le risorse ittiche. Greenpeace ricorda che i ministri per la pesca dell’Ue stanno negoziando le quote per il 2011 e spiega: "Fino a oggi l’Unione europea ha drammaticamente fallito nel gestire le attività di pesca. Invece di eliminare gli ultimi pesci rimasti, è ora che i nostri Ministri eliminino subito i pescherecci responsabili della distruzione dei nostri mari e pongano fine alla pesca eccessiva. Alcuni pescherecci della flotta europea possono arrivare a misurare oltre 100 metri di lunghezza e annientare un ecosistema con una sola calata di pesca. Il novanta per cento degli stock europei per i quali si hanno dati attendibili, è ormai sovrasfruttato, ed è alla luce di questi bei risultati che l’Europa deve rivedere entro il 2012 la propria Politica Comune della Pesca. È chiaro – conclude Greenpeace – che la riforma in corso dovrà puntare al recupero delle risorse ittiche e assicurare un buono stato di salute a tutto l’ecosistema marino". Per gli ambientalisti è inoltre necessario introdurre piani per una temporanea riduzione delle catture e tutelare il 40 per cento degli oceani con riserve marine.

Comments are closed.