AMBIENTE. Matera, più controlli sullo smaltimento rifiuti

Contrastare il fenomeno dello smaltimento illegale dei rifiuti. L’assessore all’Igiene Urbana di Matera, Antonio Montemurro, annuncia operazioni più severe affidate alla Polizia municipale e al Corpo forestale dello Stato, e maggiori controlli nelle zone a rischio.
In particolare saranno intensificate le verifiche attraverso la richiesta della presenza dei formulari per il corretto smaltimento dei rifiuti in possesso delle aziende. I controlli riguarderanno inoltre le possibili quantità di rifiuti prodotti in relazione alla presenza di imprese attive anche nella provincia di Matera.

Il fenomeno dell’abbandono illegale di rifiuti, infatti, è da collegare anche ad una scorretta attività di smaltimento perpetrata da alcune ditte che, probabilmente, trasportano i materiali dai centri limitrofi. L’assessore Montemurro chiederà, inoltre, in presenza di denuncia di inizio attività edile o di manutenzione straordinaria degli immobili, il controllo a campione per verificare le corrette operazioni di smaltimento.

"E’ utile, comunque, ricordare – dichiara l’assessore Montemurro – che la raccolta differenziata nelle isole ecologiche presenti in alcuni quartieri cittadini sta ottenendo risultati significativi: nel 2005 sono stati raccolti imballaggi di carta e cartoni per 1273 tonnellate, oltre 36 tonnellate di plastica, oltre 5 di lattine, 2 di farmaci scaduti, quasi 143 tonnellate di vetro, 60 tonnellate di materiale ferroso e quasi 84 di apparecchi elettrici fuori uso, pneumatici, batterie esauste. Dati – spiega Montemurro – pari alle percentuali di raccolta che si registrano nei comuni del Nord Italia". Sotto il profilo istituzionale, l’assessore ricorda infine che "Il consiglio comunale ha già deliberato gli indirizzi per una corretta raccolta dei rifiuti prevedendo anche una adeguata campagna di informazione e formazione".

 

 

Comments are closed.