AMBIENTE. Mediterraneo, domenica un mega tuffo in difesa dell’acqua

Domenica 15 luglio spiagge del Mediterraneo prese d’assalto. Fin qui niente di nuovo, se non fosse per il grande appuntamento che migliaia di bagnanti si daranno per il "Big Jump", il maxi tuffo collettivo ideato per ricordare l’importanza dell’elemento acqua. In Italia l’evento si svolgerà lungo i 110 chilometri di costa dell’Emilia-Romagna. Le altre località coinvolte nell’iniziativa, che anticipa la campagna di sensibilizzazione del 2008, sono Alessandria d’Egitto, Tangeri, la Catalogna ed i fiumi Giordano e Allier-Loira.

Alle 12 di domenica prossima, i bagnini romagnoli inviteranno gli ospiti delle spiagge a gettarsi in acqua: stesso orario anche per le altre zone balneari aderenti al tuffo simbolico. Il "Big Jump day" è nato dalla collaborazione tra l’assessorato regionale al Turismo e i cinque Paesi del Mediterraneo, nell’ambito del progetto interregionale di sviluppo turistico "Mare e miniere di mare".

In Italia l’iniziativa sarà preceduta da un incontro sul dialogo interculturale nel Mediterraneo, in programma a Riccione sabato 14 luglio alle ore 21.00, nel giardino di Villa Mussolini. Il grande tuffo costituisce un’anticipazione della campagna di sensibilizzazione sul tema dell’acqua, che la fondazione euromediterranea Anna Lindh promuoverà nel 2008, in accordo con 37 paesi del bacino del Mediterraneo.

Hanno partecipato all’organizzazione del "Big Jump": la fondazione euromediterranea Anna Lindh, la Regione Emilia-Romagna con gli operatori turistici, i bagnini, la cooperativa Atlantide di Cervia, Legacoop – Coordinamento regionale delle cooperative della balneazione. Inoltre, grazie al contributo di Gruppo Hera e Romagna acque società delle fonti, il grande tuffo contribuirà alla costruzione di un acquedotto nel villaggio di Nyabula, in Tanzania.

 

 

Comments are closed.