AMBIENTE. Mi è sembrato di vedere un…cetaceo: Legambiente organizza spedizioni di avvistamento

Due giorni per censire i cetacei che abitano i mari italiani. L’appuntamento è per il 28 e 29 aprile: un week end in cui in decine di località lungo la Penisola i volontari di Legambiente organizzeranno avvistamenti da terra e da mare, prendendo il largo con alcune imbarcazioni grazie alla disponibilità del Comando Generale delle Capitanerie di Porto.

"Questo è il periodo migliore per gli avvistamenti di balene e delfini – spiega Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente nazionale -, perché ancora non sono disturbati dalla stagione balneare, e in alcuni tratti della Penisola è persino possibile avvistarli dalla terra ferma. Monitorare i cetacei e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla loro presenza nelle nostre acque, come si prefigge la nostra iniziativa, è il modo migliore per difendere i mammiferi marini dai principali fattori di aggressione: l’inquinamento, il traffico marittimo e l’attività di pesca illegale".

Nell’occasione Legambiente ricorda ai diportisti il comportamento da osservare nel caso di incontro con i cetacei: tenersi a distanza, mai meno di 100 metri, 200 se c’è già un’altra imbarcazione nelle vicinanze; mai dirigersi direttamente verso di loro, inseguirli o tagliare loro la rotta; fare particolare attenzione se nel gruppo ci sono femmine con i piccoli, evitare rumori eccessivi, non buttarsi in acqua e non gettare niente da mangiare fuori bordo.

Elenco completo e orari degli appuntamenti per le spedizioni di avvistamento delle "Giornate dei cetacei sono disponibili sul sito di Legambiente.

 

Comments are closed.