AMBIENTE. Milano, Riciclo della carta. Comuni e imprese insieme per uno scopo comune

Si è svolta oggi presso la Galleria Venti Correnti di Milano la presentazione del libro Comieco e il riciclo della carta. Comuni e imprese per rispondere a un interesse comune. Gli autori Carlo Montalbetti – Direttore Generale di Comieco – e Andrea Nervi, Professore di diritto privato all’Università di Sassari si inseriscono nell’attuale dibattito sulla rapporto tra pubblico e privato analizzando le ragioni che hanno reso Comieco – Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica – un esempio di successo che concilia la definizione e il controllo del raggiungimento degli obiettivi di matrice pubblica, con la realizzazione degli stessi grazie all’attivo apporto dei delle aziende private e dei cittadini.

In particolare, nel libro, edito dalla Giappichelli Editore di Torino, si mostra come le aziende della filiera cartaria (cartiere, cartotecniche e piattaforme) si siano consorziate creando un organizzazione "di mercato" in grado di perseguire l’interesse collettivo del recupero di carta cartone e cartoncino su tutto il territorio italiano. Con eccellenti risultati anche per i cittadini: oltre 100 discariche risparmiate in otto anni e 75 milioni di euro erogati ai Comuni per effettuare la raccolta differenziata che hanno consentito di arrivare a oltre 2.000.000 di tonnellate di materiale riciclato utilizzato dall’industria cartaria italiana per coprire il fabbisogno interno e diventare anche esportatrice.

La presentazione del libro è stata anche l’occasione per istituire una tavola rotonda dal
titolo: "Quale cooperazione tra pubblico e privato per lo sviluppo di nuovi modelli economici?". Il dibattito ha cercato di delineare aree e settori in cui sarebbe possibile creare sinergie o addirittura trasformare un obbligo imposto dal legislatore in un’occasione di mercato. Tra gli ospiti era presente anche Ermete Realacci, Presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati: "La raccolta differenziata ha fatto importanti passi in avanti negli ultimi anni anche se sussistono ancora aree deboli, soprattutto al Sud. Oggi spesso l’industria del riciclo rappresenta la punta avanzata dell’imprenditoria italiana in grado di proiettarsi anche all’estero e proprio per questo la Commissione che presiedo ha avviato un’indagine conoscitiva sul settore anche e soprattutto per valorizzarne il lavoro. Da questo punto di vista Comieco, con la sua esperienza, ne rappresenta uno degli esempi migliori".

Anche Piero Capodieci, membro del Consiglio di Amministrazione di Conai ha
evidenziato che "con l’esempio dei consorzi di filiera si è abbattuto un muro, a dimostrazione di quanto sia possibile recuperare efficacia ed efficienza lasciando alla politica la definizione degli obiettivi e ai privati la responsabilità del fare". "Viviamo una di quelle fasi di trasformazione e innovazione che richiedono, in modo particolare, la collaborazione pubblico – privato" ha concluso Marco Vitale, Presidente Vitale-Novello & Co "Ma la nostra cultura non sembra portata a rispettare i principi necessari perché tale collaborazione sia proficua".

Tra gli altri ospiti che hanno dato un loro contributo al dibattito: Edoardo Croci – Assessore Mobilità, Trasporti e Ambiente Comune di Milano, Claudio Romiti – Presidente Comieco, Vincenzo Ricciuto – Professore di Diritto Privato Università di Roma "Tor Vergata – e in collegamento telefonico da Roma, Innocenzo Cipolletta – Presidente Ferrovie dello Stato.

Comments are closed.