AMBIENTE. Milano, verso l’efficienza energetica degli edifici per favorire l’occupazione in Europa

Si è tenuto oggi il seminario ‘La nuova normativa europea sull’efficienza energetica degli edifici: verso la casa passiva’, organizzato dalla Rappresentanza a Milano della Commissione europea in collaborazione con la Fondazione EnergyLab. L’incontro odierno rappresenta il secondo appuntamento del ciclo di seminari dal titolo ‘Energie in Europa: le iniziative comunitarie come opportunità di sviluppo’, organizzato grazie alla partnership tra la Fondazione EnergyLab e la rappresentanza della Commissione europea a Milano, nell’obiettivo di promuovere un’informazione consapevole su una tematica così importante per i cittadini europei, come è appunto la politica energetica.

"Oltre il 40% dell’energia è utilizzata dagli edifici. La direttiva sull’efficienza energetica degli edifici rappresenta quindi un elemento fondamentale per la nuova direzione dello sviluppo economico dell’Unione europea – ha dichiarato Carlo Corazza, direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea – poiché coniuga in modo esemplare le esigenze di sviluppo sostenibile e di ambiente più pulito alle prospettive di crescita dopo la crisi e che si tradurrà nella creazione di nuova occupazione. La politica energetica degli edifici rappresenta infatti rappresenta una rivoluzione da 500 milioni di posti di lavoro permanenti nel settore dell’edilizia per creare la nuova casa in tutte le sue componenti, dalla caldaia ai tetti fino alle finestre".

Infatti, poiché settore dell’edilizia è da sempre una delle maggiori fonti di occupazione in Europa e il suo adeguamento a più alti standard di efficienza rappresenta una sfida importante – oltre a una formidabile occasione di crescita – appare particolarmente importante l’approvazione della nuova direttiva europea sul rendimento energetico nell’edilizia (‘direttiva Epbd’, Energy performance of buildings directive), che sarà alla base di una vera rivoluzione nel modo di costruire e fonte di nuova occupazione in tutto il Vecchio Continente.

"Il forte richiamo al raggiungimento di obiettivi avanzati che l’Europa pone oggi – ha concluso Emilio Pizzi, direttore del dipartimento BEST del Politecnico di Milano e membro della Fondazione EnergyLab – richiede l’accelerazione dei processi di trasformazione in atto nel settore delle costruzioni, attraverso la convergenza di competenze e la capacità degli attori coinvolti. È importante infatti lavorare per la costruzione non solo di certezze operative ma anche di una nuova sensibilità comune nell’approccio verso nuovi modelli insediativi e di qualità dell’abitare, nel segno dell’efficienza energetica e della nuova ecocompatibilità made in Europe".

di Flora Cappelluti

 

Comments are closed.