AMBIENTE. Piemonte, emergenza acqua: domani dibattito radiofonico con esperti ed istituzioni

L’emergenza idrica è un problema che affligge ormai ogni parte del mondo. L’unica risposta possibile è la gestione razionale della risorsa. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomanda un consumo giornaliero pro capite di 10 litri di acqua (per il funzionamento di una città moderna servono ben 274 litri al giorno a testa), mentre si può parlare di emergenza idrica quando ne sono disponibili meno di 45 litri al giorno. Di tali argomenti si discuterà domani nella trasmissione radiofonica piemontese "Codice Uno", in onda in diretta dalle 11,30 alle 12 in contemporanea su diverse emittenti locali.

Il Piemonte, tradizionalmente una delle zone più piovose d’Italia, nel 2003 ha affrontato una seria crisi idrica, mettendo in allarme operatori di settore, cittadini ed autorità pubbliche. Nel talk show interverranno sul tema Salvatore De Giorgio, direttore delle Risorse idriche della Regione Piemonte, Graziella Vallone, tecnico di Protezione civile della Provincia di Novara, e Alberto Ventura, consulente di Protezione civile della Provincia Novara. Inoltre, è prevista la presenza di Sandro Peressin, responsabile delle Attività di programmazione e prevenzione di Protezione civile della Regione. Le trasmissioni "Codice Uno" rientrano nell’ambito del progetto "Protezione civile: dalla parte dei cittadini", promosso dal settore Protezione civile della Regione Piemonte, in collaborazione con l’Ufficio stampa della Giunta regionale, e realizzato dall’agenzia nazionale di stampa Mandragola.

Le emittenti piemontesi che trasmetteranno il dibattito sono Radio Grp, Radio Alfa Canavese, Radio Juke Box, Radio Dora, Radio Frejus, Radio Nichelino Comunità, Tele Radio Savigliano, Radio Spazio 3, Radio Amica, sul satellite Hot Bird 13 gradi est alla frequenza di 11200 mhz, Radio Flash Pisa, e in differita su Radio Flash Torino e Radio Antenna Uno. La trasmissione si può ascoltare anche agli indirizzi web: www.regione.piemonte.it/protciv, e www.codiceuno.it.

Comments are closed.