AMBIENTE. Piemonte, primo anno del detersivo alla spina: 13,4 tonnellate di Co2 in meno

E’ trascorso un anno dal lancio della distribuzione del detersivo alla spina e la regione Piemonte fa il bilancio dei risultati: 5 tonnellate di plastica risparmiate, 206 MW/h di elettricità economizzata e 13,4 tonnellate di Co2 emesse in meno nell’atmosfera. L’iniziativa intrapresa presso la GDO locale ha riscosso infatti notevole successo da parte dei consumatori, più sensibili alle tematiche ambientali ed alla cultura della sostenibilità. Se ne è parlato durante la cerimonia svoltasi ieri presso l’Ipercoop del centro commerciale Le Fornaci di Beinasco (To), dove è stato inaugurato il progetto, finanziato dalla regione e coordinato dall’istituto di ricerca Ecologos di Torino.

Ogni giorno centinaia di cittadini si recano nei supermercati aderenti ed acquistano detersivi con un contenitore da riempire, che viene riutilizzato ogni volta senza essere gettato tra i rifiuti. Ciò ha consentito in un anno di risparmiare oltre 80 bottiglie di plastica, con evidenti vantaggi di carattere ecologico. "Sono convinto che – ha dichiarato l’assessore regionale all’Ambiente Nicola de Ruggiero – incentivando una politica di riduzione alla fonte dei rifiuti, importante alla stregua della raccolta differenziata e del recupero della materia, si possano raggiungere performance importanti, in ottica con le linee guida per la gestione dei rifiuti, varate a febbraio dalla Giunta regionale. L’obiettivo è di scendere del 10 per cento entro il 2012, in pratica 200mila tonnellate in meno di rifiuti prodotti. Il successo del progetto GDO è, in tal senso, un passo significativo. Per il cittadino, grazie ad una organizzazione produttiva diversa, si tratta di una trasformazione culturale che, intervenendo sulle azioni quotidiane e sugli stili di vita, rende la relazione uomo-ambiente più sostenibile".

"In genere le persone – ha dichiarato il meteorologo, climatologo ed esperto ambientale Luca Mercalli – non si rendono conto di quali risultati si possano raggiungere con la propria azione quotidiana. Il fatto che ci sia un contatore sui distributori che permette, grazie anche al luogo supermercato, di vedere i risultati fin da subito, aumenta le motivazioni e stimola a percorrere la strada delle buone pratiche ambientali anche a casa nostra, dove i risultati possono essere più tangibili". Hanno finora aderito al progetto della regione Piemonte ben 13 supermercati ed ipermercati: Ipercoop di Torino, Ipercoop di Cuorgnè (Torino), Ipercoop di Beinasco (Torino), Ipercoop di Casale Monferrato (Alessandria), Ipercoop di Cuneo, Ipercoop di Crevoladossola (Verbania), Auchan di Torino, Auchan di Venaria (Torino), Crai di Oulx (Torino), Crai Torino (corso Moncalieri), Crai Moncalvo (AT), Crai di Cameri (NO), Coop di Alessandria. A breve saranno inoltre attivati nuovi erogatori di detersivo presso l’Uni di Gozzano (Novara), l’Uni di Novara la Coop di Trecate (Novara)e la Coop di Rivoli (Torino).

Comments are closed.