AMBIENTE. Ponte Stretto: stop da Camera, urge completamento Salerno-Reggio Calabria

La Camera ha approvato la mozione del centrosinistra, 272 voti favorevoli e 234 contrari, che blocca la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina. La mozione, firmata dal capogruppo dell’Ulivo Dario Franceschini, giudica "non prioritaria" la costruzione del ponte e impegna il governo a realizzare altri interventi per il miglioramento della viabilità nel mezzogiorno: in particolare il completamento della Salerno-Reggio Calabria e il miglioramento della rete autostradale siciliana.

"È la vittoria della ragione. La logica portava alla bocciatura del Ponte per motivi economici, trasportistici, ambientali. Lo stop imposto dalla mozionesegna il prevalere prima di tutto del buon senso contro le spinte a inutili mega-opere faraoniche. L’Italia ha bisogno di opere pubbliche: di opere utili però, non di cattedrali nel deserto". Così Legambiente, per bocca del suo presidente Roberto Della Seta, commenta la mozione votata alla Camera che blocca l’iter per la realizzazione del Ponte eliminandolo dalla lista delle priorità.

"La sfida dei trasporti e della competitività del sistema Italia si vince selezionando gli obiettivi, scegliendo investimenti e politiche. Tanto più nel Mezzogiorno, dove il diritto dei cittadini a una mobilità sicura, efficiente, pulita, è sistematicamente negato. La ricetta che noi proponiamo per una mobilità sostenibile nel Sud parte da alcune scelte strategiche. E cioè, – conclude il presidente di Legambiente – di investimento: le priorità riguardano le aree urbane, le linee ferroviarie, i collegamenti ai porti; di trasparenza: innovare verso la liberalizzazione gli interventi sulla rete stradale, estendendo le gare per la gestione e mettendo a pedaggio le strade principali; di qualità delle opere: l’integrazione nel paesaggio e nell’ambiente sono una delle condizioni fondamentali per costruire il consenso".

 

Comments are closed.