AMBIENTE. Presentata la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

Meno rifiuti anche attraverso azioni virtuose che mirano a ridurre lo spreco. Fra le iniziative – già 140 quelle in programma – una prevede l’attivazione di un centro di scambio di prodotti e oggetti non più utilizzati dai proprietari che vengono dati a chi intende continuare a usarli. E poi ci sono i progetti per sostituire i prodotto monouso con prodotti riutilizzabili, come shoppers per la spesa e pannolini in tela lavabili. È stata presentata oggi a Rimini, nell’ambito di Ecomondo, la settimana europea per la riduzione dei rifiuti, alla sua prima edizione ufficiale dal 21 al 29 novembre prossimi, dopo l’esperienza pilota dello scorso anno.

Le iniziative italiane della Settimana sono coordinate da un Comitato promotore nazionale composto da Osservatorio nazionale rifiuti, Provincia di Torino, Rifiuti 21 network, Federambiente, Commissione nazionale italiana UNESCO, AICA, Legambiente, Erica Società cooperativa ed Eco dalle città, con il patrocinio dell’UNESCO e la sponsorizzazione del CONAI, Consorzio nazionale imballaggi.

I singoli cittadini possono partecipare, impegnandosi a realizzare un’azione virtuosa che possono far conoscere inserendo un loro messaggio nella bacheca virtuale del sito www.menorifiuti.org.

"Da nord a sud, nel nostro Paese le esperienze di riduzione della produzione di rifiuti sono sempre più numerose – ha commentato Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente – Si tratta di una serie limitata ma importante d’iniziative locali – come, per esempio, la promozione dell’uso dell’acqua del rubinetto e dei sacchetti riutilizzabili o biodegradabili, del compostaggio domestico e degli acquisti consapevoli – da replicare il più possibile in tutta Italia. Da sole, però, le buone pratiche di prevenzione non bastano: sono necessarie iniziative strutturali di carattere nazionale, che coinvolgano soprattutto il mondo della produzione e della distribuzione".

"La Commissione nazionale italiana per l’UNESCO con piacere ed entusiasmo ha concesso il proprio patrocinio alla Settimana per la riduzione dei rifiuti e accettato l’invito ad aderire sin dall’inizio al Comitato promotore della campagna italiana – ha detto Federica Rolle, responsabile Sviluppo sostenibile e stampa UNESCO – Commissione nazionale italiana – La riduzione dei rifiuti non può che essere un tema di estrema importanza e urgenza per l’UNESCO, da inquadrare nel più ampio obiettivo della diffusione di modelli di consumo e produzione sostenibili, che siano cioè in grado di rispettare i tempi di cui la natura ha bisogno per rigenerarsi e smaltire gli impatti, e che siano le fondamenta su cui costruire società ecologiche e solidali, orientate alla qualità della vita e a una cittadinanza responsabile e democratica".

Comments are closed.