AMBIENTE. “Puliamo il mondo”: 700 mila i volontari coinvolti

L’impegno per l’ambiente – tutti muniti di rastrelli e ramazze per ripulire strade e piazze, parchi, spiagge e fiumi – ha coinvolto 700 mila cittadini in oltre 1700 comuni italiani e in 4500 località: sono questi i numeri di Puliamo il mondo, la campagna di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente nel fine settimana, che si è dispiegata in località di tutta Italia per recuperare dal degrado siti urbani e ambientali.

"Anche quest’anno, il fine settimana di pulizia straordinaria si è dimostrato una grande occasione d’impegno per l’ambiente e di coesione sociale – ha detto Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente – Moltissimi cittadini italiani e stranieri hanno dato prova del loro amore per il territorio in cui vivono e della consapevolezza che ogni gesto, anche piccolo, ha il suo peso. Puliamo il Mondo è una dimostrazione tangibile che l’unione fa la forza. Non è un caso che numerosi appuntamenti si siano svolti all’insegna dell’integrazione e della pacifica convivenza tra le comunità presenti nel nostro Paese".

Fra le iniziative di questa edizione, spicca in particolare l’azione che si è svolta a Tempera in Abruzzo, una frazione de L’Aquila pesantemente colpita dal terremoto: i volontari hanno pulito gli argini del torrente e ripristinato gli arredi urbani insieme al presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, al vicepresidente dell’associazione Sebastiano Venneri, al presidente della provincia Stefania Pezzopane e all’assessore comunale all’Ambiente Alfredo Moroni.

In numerosi casi, Puliamo il mondo ha inoltre rappresentato l’occasione per chiedere alle amministrazioni locali più tutela degli spazi pubblici a fronte di situazioni di degrado e abbandono. Numerosa inoltre la partecipazione delle scuole: hanno risposto in 258 e sono state 3000 le classi che hanno aderito anche al progetto "Classe per l’ambiente", un modo per mantenere costante tutto l’anno l’impegno a favore del pianeta e per la riduzione dell’effetto serra.

Comments are closed.