AMBIENTE. Raccolta differenziata, Adoc al Ministro: “Rilanciarla coinvolgendo i consumatori”

"La situazione rifiuti in Italia è ormai divenuta insostenibile. Chiediamo al Ministero dell’Ambiente di avviare un monitoraggio nazionale per valutare la capacità operativa di ogni ATO (Ambito Territoriale Ottimale) a smaltire i rifiuti e a fare la raccolta differenziata". E’ questo l’appello del Presidente dell’Adoc Carlo Pileri al crescente problema dei rifiuti in Italia.

"Fino ad oggi – spiega Pileri – i cittadini non sono stati messi nelle condizioni di poter conferire in modo separato carta, plastica e rifiuti umidi. Dopo che nessuno, dal Comieco al Conai, agli Ato, ai comuni, ha fatto appieno il proprio dovere, sarebbe una beffa se ci venissero a raccontare che è tutta colpa degli italiani sporcaccioni e incapaci se dobbiamo pagare in più lo smaltimento dei rifiuti."

I termovalorizzatori – sostiene Pileri – hanno un costo tanto elevato da farci chiedere se il gioco vale la candela. La strada per uscire da questa fase di impasse per l’Associazione è cominciare subito a lavorare utilizzando le risorse che già ci sono. In caso contrario l’associazione si è detta disposta ad avviare le azioni di responsabilità personali per il danno che le famiglie hanno subito.

Comments are closed.