AMBIENTE. Rapporto WWF: dalle economie emergenti esempi positivi per il clima

Dalle economie emergenti di paesi quali Brasile, Cina, India, Messico e Sudafrica arrivano esempi positivi di azioni per salvaguardare il clima. Questi paesi infatti "stanno agendo con maggiore determinazione, ambizione ed energia rispetto a molti dei paesi del mondo sviluppato. Le economie emergenti potrebbero fare molto per evitare i peggiori impatti potenziali dei cambiamenti climatici": è quanto afferma il WWF in relazione a quanto emerge dal dossier "Economie emergenti – In quale modo il mondo in via di sviluppo inizia ad affrontare la nuova era della leadership nel settore dei cambiamenti climatici", nel quale vengono esaminate le linee di tendenza per le emissioni e i piani di azione per il clima in relazione a cinque tra le maggiori economie in via di sviluppo del mondo, ovvero Brasile, Cina, India, Messico e Sudafrica. Tali economie, afferma l’associazione ambientalista, stanno emergendo anche per l’adozione di piani di sviluppo che comprendono il taglio delle emissioni di carbonio.

Qualche esempio: il Messico si è impegnato a ridurre le emissioni del 50% entro il 2050, rispetto ai livelli registrati nel 2000; la Cina "sta modificando il suo mix energetico e si è impegnata ad offrire almeno il 15% di tutte le energie derivanti da fonti rinnovabili entro il 2020, emergendo al tempo stesso come principale produttore mondiale di prodotti per il settore delle energie rinnovabili (2009)". In Sudafrica si sta lavorando per avere una riduzione di emissioni di circa il 34% entro il 2020, in Brasile ci si sta adoperando per ridurre la deforestazione e l’India "sta facendo progressi nel campo dello sviluppo dell’energia solare ed eolica, nell’ambito del suo piano nazionale per la lotta ai cambiamenti climatici, e potrebbe addirittura registrare risultati superiori al suo obiettivo di aumento del 10% della generazione di energia mediante risorse rinnovabili entro il 2012".

Commenta Mariagrazia Midulla, responsabile clima del WWF Italia: "In alcune delle principali economie emergenti del pianeta, la gara per la creazione di mercati per le tecnologie pulite e per abbracciare un futuro a basse emissioni di carbonio appare bene avviata. Questi paesi dovrebbero spingere sull’acceleratore per raggiungere tutti gli obiettivi previsti dai rispettivi impegni nazionali, e con queste iniziative dovrebbero riuscire a incoraggiare ed aiutare i paesi che appaiono ancora in ritardo nella corsa verso le energie rinnovabili".

Comments are closed.