AMBIENTE. Remade in Italy: 40 nuovi prodotti in materiale riciclato

Remade in Italy anche quest’anno è presente con la propria mostra in occasione del Fuori Salone del Mobile di Milano all’insegna di 40 nuovi prodotti e materiali innovativi nati dal riciclo di carta, plastica, alluminio, acciaio, vetro e altri, nel pieno centro di Milano.

Regione Lombardia, Direzione Generale Reti e Servizi di Pubblica Utilità, è promotrice del progetto, il primo in Italia che ha l’obiettivo di supportare le imprese nella produzione di beni in materiale riciclato post-consumo. La scelta di incentivare l’utilizzo di questi materiali nasce dall’esigenza di rispondere nel migliore dei modi alle norme definite nel DM 203 del 2003, che prevede l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di acquistare "prodotti verdi" nella misura del 30% della spesa annua. In Lombardia la legge regionale addirittura ha aumentato la percentuale al 35%. Gli enti pubblici faranno da apri pista per incentivare il mercato, dal canto loro le imprese dovranno adeguare i propri beni.

REMADE IN ITALY è coordinato da CESTEC (società regionale per lo sviluppo tecnologico e produttivo dell’artigianato e delle piccole imprese). Cestec è attiva presso le PMI nel promuovere la cultura dell’innovazione, relativamente all’importanza di una corretta gestione aziendale in tutte le problematiche ambientali connesse ai differenti cicli produttivi.

Il progetto è realizzato in collaborazione con i consorzi nazionali del riciclo CIAL, COMIECO, CO.RE.PLA., mentre il coordinamento tecnico è affidato a CAPELLINI | design & consulting.

L’evento aprirà le proprie porte ai visitatori dal 3 al 10 aprile 2006 in Galleria Meravigli nel cuore della Milano degli affari, con una straordinaria esposizione di prodotti quali sedute, mobili, accessori per la casa e arredi per gli spazi pubblici, curati nel design e attenti alle necessità del consumatore moderno.

Le modalità di iscrizione e partecipazione saranno presentate sul sito www.remadeinitaly.it a partire da maggio 2006.

 

 

Comments are closed.