AMBIENTE. Risparmio energetico, Autorità energia fissa gli obiettivi per le imprese

Si amplia la platea delle aziende coinvolte nel cd meccanismo dei "titoli di efficienza energetica". L’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha infatti fissato, con un provvedimento, i nuovi obiettivi per il 2008: 14 imprese di distribuzione di energia elettrica dovranno risparmiare 1,2 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) e 61 distributori di gas naturale 1 milione, per un totale di ben 2,2 Mtep. Il provvedimento coinvolge tutte le imprese alle cui reti di distribuzione fossero allacciati almeno 50.000 clienti finali al 31 dicembre di due anni precedenti quello dell’obbligo.

Gli obiettivi per il 2008 sono stati definiti in attuazione del decreto ministeriale 21 dicembre 2007, che ha in parte ridisegnato il meccanismo dei cosiddetti "titoli di efficienza energetica". Il decreto ha anche incrementato di 700.000 tep l’obiettivo nazionale di risparmio da conseguirsi nel 2008 (rispetto a quello previsto dalla precedente normativa, l’aumento è di 400.000 tep nel settore elettrico e di 300.000 tep nel settore del gas naturale), ed ha revisionato i criteri di ripartizione. "Queste modifiche normative erano state proposte dall’Autorità, con l’obiettivo di riequilibrare il mercato dei certificati bianchi, che aveva registrato un eccesso di offerta. Da qui una sensibile riduzione del valore di scambio dei certificati stessi e, dunque, dell’incentivo allo sviluppo di nuovi interventi di risparmio energetico" ha sottolineato il Presidente Alessandro Ortis.

Comments are closed.