AMBIENTE. Settimana europea dei rifiuti, Legambiente: ridurre si può

"Ministro di-smettila": è lo slogan scelto da Legambiente che stamattina ha manifestato davanti al Ministero dell’Ambiente per chiedere lo stop effettivo dei sacchetti di plastica, a partire da gennaio 2011. Un’iniziativa che sarà replicata nei prossimi giorni davanti a diversi municipi italiani per chiedere l’approvazione di delibere comunali e ricordare al Governo di procedere con i decreti attuativi, ancora mancanti, per far sì che la legge varata non rimanga sulla carta, ma divenga realtà.

"Ridurre si può" è la campagna di Legambiente per la Settimana Europea dei rifiuti – di cui l’associazione è promotrice – che intende sensibilizzare e informare sugli innumerevoli sprechi da evitare nella produzione dei beni e negli acquisti. Produrre meno rifiuti, infatti, è la prima e imprescindibile regola alla base di qualsiasi politica nazionale e locale per una corretta e sostenibile gestione dei rifiuti.

Tantissime le iniziative previste per il week-end di "Ridurre si può" in cui i volontari del Cigno verde coinvolgeranno i cittadini nelle piazze e davanti ai supermercati della grande distribuzione in tutta Italia per partecipare a "Vota il Sacco". Il simbolico referendum in cui i consumatori potranno votare in vere e proprie urne elettorali che tipo di shopper preferiscono come alternativa alla busta di plastica, scegliendo tra la sportina riutilizzabile, il sacchetto in carta e le shopper in bioplastica. Negli stand di Legambiente sarà poi possibile firmare la petizione "Stop ai sacchetti di plastica" con cui richiedere al Governo l’effettiva dismissione delle plastic bags.

Comments are closed.