AMBIENTE. Si apre il summit della Commissione Baleniera. WWF: balene estranee alla crisi della pesca

Le balene non hanno responsabilità nella crisi della pesca. È quanto affermano le associazioni ambientaliste in occasione dell’odierna apertura, a Santiago del Cile, del 60° summit della Commissione Baleniera. "Se il pesce diminuisce in maniera preoccupante sui mercati dei paesi in via di sviluppo, prendetevela con l’uomo": questa la posizione assunta dal WWF e da altre associazioni in occasione del summit. WWF, Leanfest Ocean Programme e Humane Society International – si legge sul sito del WWF – cercheranno dunque di difendere i cetacei dalle pesanti accuse rivolte dai tre grandi paesi cacciatori.

”Giappone, Norvegia e Islanda – spiega Massimiliano Rocco, responsabile del programma Traffic e Specie del WWF Italia – continuano ad affermare che i cetacei stanno intaccando le risorse ittiche dei mari, causando un calo del pescato soprattutto a danno dei paesi in via di sviluppo, ma si tratta di un’assurdità che viene usata per giustificare la caccia alle balene e per sviare l’attenzione dal vero problema, quello della pesca selvaggia che sta letteralmente ripulendo i mari”. Il WWF denuncia invece che oltre il 60% del pesce pescato nei paesi poveri non rimane nei mercati locali ma finisce in quelli europei, giapponesi, nordamericani e cinesi.

Comments are closed.