AMBIENTE. Siccità, gli agricoltori chiedono un “preciso” piano di intervento

Un preciso piano d’azione per fronteggiare l’emergenza siccità della prossima estate. E’ la richiesta della Cia (Confederazione italiana agricoltori) in merito alle previsioni della Protezione Civile secondo la quale le annunciate precipitazioni nevose e piovose della prossima settimana non risolveranno il problema della carenza idrica. Secondo gli agricoltori la situazione sarà aggravata per l’agricoltura dalle conseguenze del maltempo, soprattutto per il forte abbassamento delle temperature, che dovrebbe verificarsi nei prossimi giorni.

Lo stesso Capo del Dipartimento della Protezione Civile Guido Bertolaso ha annunciato che le perturbazioni avranno riflessi negativi per il comparto agricolo. E questo proprio a causa delle probabili gelate che andranno a colpire alberi da frutta fioriti e ortaggi a campo aperto. Per questo motivo la Cia sollecita il governo ad adottare al più presto un programma pianificato di interventi per una corretta gestione delle risorse idriche sia in primavera che in estate. Un programma che venga gestito da un’apposita "Cabina di regia" presso la Presidenza del Consiglio. L’agricoltura italiana non può affrontare un’altra emergenza di siccità senza un’adeguata pianificazione delle iniziative da intraprendere. Il settore, del resto, già vive una perdurante crisi strutturale e ulteriori danni alle colture sarebbero un pesante colpo alle imprese. Da qui l’esigenza di intervenire per tempo e con la massima concretezza.

 

Comments are closed.