AMBIENTE. Siccità, riunione al MSE: resta alta l’attenzione

Gli apporti da precipitazioni non consentono di raggiungere il target inizialmente previsto di accumulo di risorse idriche. È quanto emerge dal quinto incontro del tavolo tecnico sul rischio elettrico per l’estate 2007 che si è tenuto oggi al ministero dello Sviluppo economico con i rappresentanti della Protezione Civile, del Ministero dell’Ambiente, dell’Autorità di bacino del Po, dell’Autorità per l’energia elettrica e gas, di Terna e delle Regioni interessate.

Resta quindi alta l’attenzione sui livelli di accumulo dei laghi del bacino del Po e si lavora ad una riduzione condivisa dei piani di rilascio dai laghi, mentre sono entrate già in fase operativa le misure strutturali sulle centrali termoelettriche che pescano acqua dal Po per il raffreddamento. Misure idonee a consentirne il funzionamento anche con livelli idrometrici inferiori agli attuali. A breve, poi, sarà pronta la delibera dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas volta a garantire l’approvvigionamento da parte di Terna di risorse interrompibili per una quantità aggiuntiva fino a 1000 MW. La prossima riunione è prevista per il 31 maggio prossimo.

Comments are closed.