AMBIENTE. Tonno rosso, Greenpeace e WWF: stop alla pesca

WWF e Greenpeace denunciano un nuovo caso di pesca illegale del tonno rosso nel Mediterraneo, che non fa che aumentare l’urgenza della richiesta di chiusura immediata della pesca al tonno. Le due organizzazioni ambientaliste hanno documentato l’utilizzo di due aerei usati dalla flotta di pescherecci per individuare il tonno nelle acque del Mediterraneo tra le isole di Malta, Pantelleria e Lampedusa nonostante tale pratica sia vietata.

Greenpeace e WWF chiedono per questo all’Unione Europea e agli altri Stati membri dell’ International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas (ICCAT, l’organismo internazionale che garantisce la sostenibilità della pesca al tonno rosso nel Mediterraneo) l’urgente chiusura della pesca al tonno, per evitare ulteriori danni allo stock che, secondo la comunità scientifica internazionale, è prossima al collasso.

Comments are closed.