AMBIENTE. Tonno rosso, Parlamento Ue: sì al piano di ricostituzione

Riduzione dei totali ammissibili di cattura (TAC) del tonno rosso, aumento della taglia minima, zone e periodi di divieto e misure di controllo e di contrasto alla pesca illegale. E’ quanto prevede il piano di ricostituzione del tonno rosso adottato dalla Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico (ICCAT) la cui proposta di recepimento è stata accolta dal Parlamento Europeo.

La proposta della Commissione prevede la progressiva riduzione del contingente di cattura (sino al 20% nel 2010 rispetto al 2006). Più in particolare, i Totali ammissibili di cattura (TAC) fissati dall’ICCAT in relazione allo stock di tonno rosso nell’Atlantico orientale e nel Mediterraneo sono pari a 28.500 tonnellate nel 2008, 27.500 tonnellate nel 2009 e 25.500 tonnellate nel 2010.

Il Parlamento chiede però un piano di pesca per gli Stati membri che fissi un numero di pescherecci in quanto "il problema principale della pesca al tonno rosso è rappresentato dalla sovracapacità della flotta rispetto alle quote disponibili". Per lo stesso motivo un emendamento chiede agli Stati membri di stabilire un equilibrio tra la capacità delle sue aziende d’ingrasso e le quote di cui dispone. In tema di deroghe è stata soppressa quella che consentirebbe ai grandi pescherecci con palangari pelagici di lunghezza superiore a 24 metri di operare dal 1° giugno al 31 dicembre in una zona delimitata. La pesca praticata da pescherecci con reti a circuizione sarebbe invece vietata nell’Atlantico orientale e nel Mediterraneo nel periodo dal 1º luglio al 31 dicembre, quella praticata da tonniere con lenze a canna dal 15 novembre al 15 maggio e la pesca con pescherecci da traino pelagici sarebbe vietata dal 15 novembre al 15 maggio. Un emendamento, inoltre, chiede che delle compensazioni finanziarie a carico del Fondo europeo per la pesca siano erogate ai pescatori (personale imbarcato ed armatori) nei periodi di fermo pesca.

Vi è infine la proposta della Commissione di portare da 10 a 30 kg la taglia minima per il tonno con la possibilità di alcune deroghe per determinate zone come l’Adriatico dove le catture sono destinate all’allevamento in gabbia. Inoltre nell’ambito della pesca ricreativa sarà vietato catturare, detenere a bordo, trasbordare e sbarcare più di un esemplare di tonno rosso per bordata di pesca.

Comments are closed.