AMBIENTE. Torino, eletta capitale mondiale delle piante, lancia gli alberi con dedica

Torino ha 18 milioni di metri quadrati di verde pubblico. E l’Europa ha deciso di riconoscerne l’importanza. Per il 2008, infatti, l’Eac, il consiglio europeo di Arboricoltura, ha nominato il capoluogo piemontese "Città europea dell’albero" dando il la ad una serie di iniziative a tema. La più curiosa ripristina l’usanza degli alberi piantati in memoria di persone care ed è organizzata direttamente dal Comune. Con un costo che oscilla dai 170 euro ai 700 euro ad esemplare, tutto compreso, comuni cittadini, enti no profit e aziende possono donare alla città piante che verranno sistemate in autunno nei parchi pubblici.

L’iniziativa nasce dalla sensibilità ambientale dell’assessore al Verde di Palazzo Civico Roberto Tricarico e concilia tutela dell’ambiente e problemi finanziari; tra i primi ad aderire il quotidiano La Repubblica, la catena alberghiera Accor Hospitality e Unicredit, che dedicherà venti piante a venti neonati figli di dipendenti. I doni naturalmente dovranno essere coerenti con il verde pubblico cittadino e saranno catalogati in un apposito registro, in modo da non restare anonimi.

Ma non è tutto. In degna risposta al riconoscimento europeo, che, ha detto l’assessore Tricarico, "rappresenta un premio alle politiche che il Comune storicamente ha portato avanti sulla gestione del verde pubblico", saranno molti gli eventi dedicati agli alberi nel mese di giugno. Dal 16 al 18 nelle sale di Torino Incontra, per esempio, si svolgerà il Congresso Internazionale di Arboricoltura con la partecipazione di grandi nomi del settore, mentre dal 20 al 22 al parco del Valentino sono in programma competizioni ed esibizioni mozzafiato di "tree climbing", la tecnica di potatura che prevede l’arrampicata sulle piante con l’aiuto di corde.

Comments are closed.