AMBIENTE. Torna domenica Voler Bene all’Italia, la festa nazionale dei piccoli comuni

Torna domenica 11 maggio Voler Bene all’Italia, la festa nazionale dei piccoli comuni. L’iniziativa è organizzata da Legambiente insieme a un vasto comitato promotore di associazioni ed enti e con la collaborazione di Enel. Obiettivo: "conoscere e festeggiare quel mix di identità e territorio, di innovazione e qualità che è alla base del successo di tante realtà territoriali minori". Lo riferisce Legambiente in una nota.

Tante le iniziative che coinvolgeranno i comuni con meno di 5000 abitanti in tutto il Paese. A Stella (Savona), città natale di Sandro Pertini, parteciperà alla festa Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente e animatore dell’ampio comitato promotore di Voler Bene all’Italia. A Canepina (Viterbo) e Verrucchio (Rimini) interverranno il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza e il direttore generale Rossella Muroni. Ma, da Pettorano sul Gizio a Torraca, da Valle Stura a Massa Martana, Chiauci e Poggiorsini per esempio, sono migliaia i piccoli comuni di tutta Italia che apriranno le loro porte ai visitatori per offrire le loro produzioni e la loro storia, mettere in mostra il migliore made in Italy e i frutti di una soft-economy capace di competere sui mercati internazionali.

Domani invece Roma, Milano e Torino offriranno un’anteprima "metropolitana" dell’iniziativa ed ospiteranno costumi, sapori e tradizioni di piccoli comuni sconosciuti ai più. A Roma, a piazzale Flaminio, il comune di Casperia (Rieti) inviterà a visitare il suo borgo medievale e il comune di Atina (Frosinone) porterà i suoi mercati contadini. A Torino, a Piazza San Carlo, si racconteranno i comuni di Tassarolo e di Gavi (Alessandria) e la comunità Montana Valli Orco e Soana. A Milano, alla fermata Cadorna presenterà i suoi prodotti tipici il comune di Valverde (Catania).

"Le piccole amministrazioni – ha detto Cogliati Dezza– sono riuscite spesso a ottenere primati ed eccellenze in tanti settori, e rappresentano così una straordinaria occasione per difendere la nostra identità e la nostra economia. In questi territori crescono competenza e rivoluzioni tecnologiche. Voler Bene all’Italia vuole accendere i riflettori sulla loro storia, anche recente, fatta di produzioni tipiche, di qualità culturale e sostenibilità ambientale".

"L’Italia minore – ha commentato Realacci – non è un peso per il nostro paese ma una straordinaria occasione per difendere la nostra identità, le nostre qualità e costruire il futuro. La legge sui piccoli comuni indica con chiarezza questa direzione: ecco perché, benché non possa da sola essere risolutiva di tutti i problemi aperti, è tanto attesa dagli interessati. E’ una legge importante per l’intero Paese, che ripresenteremo al più presto in questa nuova legislatura".

Comments are closed.