AMBIENTE. Turismo, Legambiente presenta indagine su risparmi risorse

Legambiente Turismo ha presentato una ricerca sui risparmi di risorse realizzati con le buone pratiche svolte nel 2010 dalle strutture ricettive e turistiche che aderiscono all’etichetta ecologica. La ricerca – svolta sulle 426 strutture associate nel 2010 con 62.740 posti letto e 6.500.000 presenze annue – indica che, con misure semplici ma efficaci, si possono produrre meno rifiuti e gas serra e risparmiare acqua e energia. I risultati appaiono molto significativi: un risparmio annuale di quasi un milione di metri cubi d’acqua (955.216); di 2394 Mwh di energia elettrica e gas metano per il riscaldamento dell’acqua e di 2,3 MWh grazie all’installazione di lampadine ad alta efficienza. Altri risparmi di risorse riguardano la riduzione dei rifiuti e delle monodosi alimentari e igieniche (76,0 t. in meno di plastica), l’uso di biciclette e mezzi pubblici sostitutivi dell’auto. Considerando le varie fonti di risparmio risulta una riduzione delle emissioni di oltre 3500 tonnellate/anno di anidride carbonica (CO2).

Legambiente Turismo ha stimato che, se le buone pratiche fossero adottate da tutte strutture ricettive d’Italia, la CO2 verrebbe ridotta di oltre 200mila tonnellate con un contributo importante nella battaglia contro l’effetto serra e i cambiamenti climatici. Il settore turistico italiano potrebbe risparmiare oltre 54 milioni di metri cubi di acqua potabile; più di 3 milioni di Mwh di energia; 1216 tonn. di plastica e quantità enormi di carburanti ed emissioni grazie all’uso delle bici e dei mezzi di trasporto collettivi in sostituzione dell’auto.

Comments are closed.