AMBIENTE. Un Girasole in movimento per educare al consumo sostenibile

Adiconsum Lombardia ha presentato ieri a Milano il progetto "Girasole si muove", una campagna di informazione ed educazione ai modelli di consumo e produzione sostenibili. La campagna si rivolge in particolare a studenti, cittadini, imprese sui temi del consumo sostenibile, dell’uso razionale delle fonti energetiche e dello smaltimento ecologico dei rifiuti.

Il "Progetto Girasole", nato lo scorso anno come campagna di educazione ambientale nelle scuole medie e superiori lombarde sui temi del consumo sostenibile, dell’uso razionale delle fonti energetiche e dello smaltimento ecologico dei rifiuti, ha per obiettivo di indirizzare i ragazzi verso un percorso di sviluppo consapevole del proprio stile di vita fin dall’età adolescenziale, che li porti ad identificarsi come portatori di diritti e responsabilità a favore del benessere collettivo e della salute dell’intero pianeta.

Il progetto si è concretizzato nella realizzazione di oltre di 50 incontri nelle scuole lombarde, nel corso dei quali, oltre all’attività ludico-didattica sui temi ambientali, che prevedeva anche la distribuzione di materiale cartace, sono stati direttamente coinvolti i ragazzi nella visita a un Ecobus allestito con pannelli solari, fotovoltaici, turbine eoliche, etc.

"Il successo dell’iniziativa, testimoniato anche dall’ampia adesione delle scuole e dalla domanda di nuovi incontri, ha di gran lunga superato quella originariamente preventivata – ha spiegato Angelo Motta. segretario generale di Adiconsum – e rende quanto mai opportuna la prosecuzione dell’intervento. Per questo motivo, , intendiamo quest’ anno ampliare contenuti e destinatari del progetto, in un’ottica di coinvolgimento di tutti gli attori interessati per vedere soddisfatto un bisogno di informazione, conoscenza e approfondimento che favorisca l’impegno collettivo e condiviso sul fronte della sostenibilità ambientale".

Grazie ad una partnership realizzata con il GRISS – (Gruppo di Ricerca sullo Sviluppo Sostenibile) del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e del Territorio dell’Università degli Studi di Milano Bicocca avviata nel gennaio 2008 – il "Progetto Girasole" quest’anno intende coinvolgere in prima persona proprio i consumatori, le scuole e le aziende.

"Il progetto vuole creare un ponte di comunicazione e scambio culturale – ha aggiunto Motta – .A questo proposito, l’apporto del mondo accademico consente di approfondire in modo autorevole i temi degli acquisti verdi, dell’ecoefficienza, dell’ecodesign, della responsabilità sociale d’impresa, della catena del valore compatibile e della comunicazione di prodotto. La collaborazione con il GRISS ha permesso anche la realizzazione di kit sperimentali, corredati da schede didattiche per approfondire argomenti come il compost, la biodegradabilità, l’ecoefficienza o il riciclo, integrando gli incontri di educazione ambientale con attività pratiche, con l’obiettivo ridurre l’impatto ambientale di prodotti e servizi nell’arco e motivare l’interesse economico dei produttori nell’intraprendere azioni che favoriscano una maggiore compatibilità ambientale dei beni e servizi offerti".

Con il progetto "Il Girasole", lo sviluppo del "mercato verde" diventa quindi una sfida che riguarda tutti: i consumatori, che possono privilegiare un’offerta ecologicamente qualificata,
e le Amministrazioni, incentivate a erogare servizi corretti dal punto di vista ambientale, incidere su un uso corretto del territorio, informare e sensibilizzare i cittadini, fino ad introdurre incentivi per le imprese, promuovere la ricerca e armonizzare le politiche per lo sviluppo. Fondamentale infine il ruolo delle imprese, chiamate a gran voce a dare il loro contributo per migliorare l’offerta di prodotti e servizi.

Comments are closed.