AMBIENTE. WWF: clima, serve scatto avanti dell’Europa

"In un mondo in cui gli altri Paesi stanno già contando i costi della catastrofe climatica e valutando i benefici economici delle nuove fonti di energia pulita, l’Europa deve fare uno scatto in avanti sostenendo un accordo globale sul clima legalmente vincolante, altrimenti rimarrà uno spettatore passivo mentre altri sfruttano tutte le opportunità. Sarebbe davvero una prova di vecchiaia, non di maturità, quella di perdere la leadership proprio quando è il momento di raccogliere i frutti delle posizioni assunte": è quanto dichiara Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, alla vigilia del Consiglio Europeo di Bruxelles che domani e venerdì dovrà definire la posizione dell’Europa in vista del Vertice sul Clima di Copenhagen.

Il WWF si sofferma sui dati dell’economia verde: è stato stimato che il mercato globale per i beni e i servizi verdi raddoppierà fino a un valore di 1,4 mila miliardi di euro entro il 2020. In Europa, i posti di lavoro nel settore ambientale hanno già superato settori come la produzione di automobili e un recente studio dell’associazione ricorda come le attività economiche verdi diano lavoro a 3,4 milioni di europei.

Comments are closed.