ASSICURAZIONI. Polizze dormienti, Lirosi (Pd): rimediare ad un errore del governo

"Nonostante i ripetuti appelli delle associazioni dei consumatori e la presentazione di diversi emendamenti, è grave e preoccupante che la maggioranza di governo non abbia ancora voluto risolvere un problema che riguarda migliaia di famiglie che ingiustamente perderanno, nel giro di un mese, i risparmi maturati con le polizze vita non ancora riscattate". Lo dichiara Antonio Lirosi, responsabile Commercio e Consumatori del Pd.

"A seguito della legge 166 del 2008 – spiega Lirosi – che ha esteso alle polizze vita l’obbligo del versamento delle somme non riscosse al Fondo del Ministero dell’Economia, gli eredi dei titolari di polizze che sono deceduti tra il 2005 e il 2008 perderanno la possibilità di riscuotere il rimborso delle somme maturate. Una danno che arriva ad alcune decine di migliaia di euro per ogni famiglia beneficiaria".

"I motivi del silenzio del governo sono oscuri" spiega Lirosi secondo il quale, invece, "occorre rimediare al più presto a quello che è palesemente un errore del governo. In particolare è necessario equiparare il termine di prescrizione delle polizze vita con gli ad altri prodotti finanziari (portandolo da 2 a 10 anni), eliminare la retroattività della legge 166 per cui nessun beneficiario ha potuto riscuotere la polizza e coordinare la legge sulle polizze dormienti con le norme del codice civile in materia di successione che dispone il termine di 10 anni per l’accettazione dell’eredità".

Solo pochi giorni fa Altroconsumo ha inviato una lettera al Consiglio dei Ministri chiedendo di inserire un emendamento sulle polizze dormienti all’interno del decreto incentivi, il cui iter legislativo inizia in questi giorni.

Comments are closed.