ASSICURAZIONI. Rc auto, Federconsumatori e Adusbef: gli incidenti diminuiscono ma i costi aumentano

Gli incidenti stradali diminuiscono ma i costi dell’rc auto continuano ad aumentare. "C’è qualcosa di misterioso e inspiegabile nella determinazione dei costi delle polizze rc auto. A meno che non si ascriva tutto ciò ad una insopprimibile volontà di guadagno": è quanto affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef. Le due associazioni sottolineano che dopo i rincari medi del 18% registrati lo scorso anno, "quest’anno le tariffe per assicurare la propria auto continuano a salire, registrando un incremento medio del +12%".

Tutto questo a fronte di dati sull’incidentalità stradale che segnano una continua diminuzione dal 2001 a oggi. Seguendo i dati Istat dal 2001 al 2009, ed elaborando una stima per il 2010, le due associazioni osservano che in confronto al 2001 gli incidenti sono diminuiti del 9% nel 2005 e nel 2006, del 12% nel 2007, del 17% nel 2008, del 18% nel 2009 e del 22% nel 2010.

Secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori (che ha svolto un’indagine nelle aree del Nord, del Centro e del Sud del Paese prendendo a campione le prime 5 compagnie assicurative che coprono oltre il 60% del mercato) "a crescere in misura maggiore sono le tariffe per i neopatentati, con picchi di aumento che superano anche il 25%. Non sono da meno le tariffe per i cinquantenni che, anche in prima classe, hanno subito aumenti fino ad oltre il 20%. Questa nuova ondata di aumenti fa crescere ancora l’impressionante bilancio dei rincari registrati dal 1994 ad oggi, pari ad oltre 186%".

Comments are closed.