Alitalia – Consumatori: si concilia

Alitalia e tredici Associazioni dei Consumatori aderenti al Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (Acu, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinzattiva, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Movimento Consumatori) hanno firmato oggi il regolamento di conciliazione. Da oggi, i consumatori potranno attivare la procedura di conciliazione per risolvere le eventuali controversie con la compagnia: la procedura, si legge nel regolamento, sarà applicabile ai reclami relativi a viaggi effettuati a partire dal 1° luglio 2010 e che indichino uno scostamento tra obblighi e/o impegni assunti da Alitalia in documenti ufficiali (Regolamento (CE) n. 261/2004, Condizioni Generali di Trasporto, provvedimenti Antitrust, informazioni disponibili sul sito) e quanto effettivamente fruito dal cliente.

La procedura, gratuita per il consumatore, potrà essere esperita sia nell’ipotesi in cui il consumatore abbia ricevuto da Alitalia una risposta al reclamo ritenuta insoddisfacente sia nell’ipotesi in cui non abbia ricevuto alcuna risposta scritta entro il termine di 60 giorni dalla data di spedizione del reclamo in questione.

L’accordo firmato oggi sarà divulgato nei principali aeroporti italiani nonché sulla rivista Ulisse. La compagnia, in pieno spirito collaborativo, si è impegnata anche a mettere a punto quanto prima una Carta dei Servizi.

"Questo accordo è un atto di coraggio di Alitalia, che in un momento delicato di rilancio, si impegna con forza a migliorare la qualità del servizio sia attraverso risposte rapide ed economiche al contenzioso attraverso un accordo di conciliazione extragiudiziale, sia attraverso una Carta dei Servizi che sarà definita con le Associazioni dei consumatori entro il 2010". È questo il commento del Movimento Difesa del Cittadino (MDC), tra i firmatari del regolamento. "La conciliazione tornerà utile per tutti gli eventuali disservizi che i clienti Alitalia dovessero incontrare già in questa estate che con il fallimento del Ventaglio non si è preannuncia tranquilla" conclude in una nota l’Associazione che ha già attivato il Dipartimento Turismo per rispondere alle domande dei cittadini sulla vicenda del fallimento del gruppo Ventaglio e per rendere effettivo questo accordo di conciliazione con Alitalia (turismo@mdc.it).

Soddisfazione espressa anche da parte del Movimento Consumatori. "Si tratta di un atto importante, che consentirà ai consumatori di far valere i propri diritti nel caso in cui gli stessi non ricevano una risposta soddisfacente al reclamo presentato – ribadisce l’Associazione – Grazie alla conciliazione sarà possibile risolvere in maniera rapida ed efficace le controversie insorte tra l’azienda e i clienti consumatori, senza dover ricorrere alla giustizia ordinaria. La procedura di conciliazione è applicabile ai reclami relativi a viaggi effettuati a partire dal 1° luglio 2010 e che indichino uno scostamento tra obblighi e/o impegni assunti da Alitalia e dalle società del Gruppo in documenti ufficiali, oltre che derivanti dalla normativa vigente (Regolamento CE n. 261/2004, Convenzione di Montreal, Condizioni Generali di Trasporto, provvedimenti Antitrust, informazioni disponibili sul sito) e quanto effettivamente fruito dal cliente".

"Siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto con Alitalia, la conciliazione è uno strumento fondamentale per la tutela dei consumatori, soprattutto in previsione dell’esodo estivo – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – e per l’intero settore aereo italiano. Alitalia è il primo vettore ad aver adottato la conciliazione paritetica, ci auguriamo che possa aprire una pista anche per tutti gli altri vettori, inclusi i low cost e per i gestori degli aeroporti, sarebbe un fondamentale passo in avanti per la crescita e modernizzazione del settore. Auspichiamo, inoltre, che l’Enac possa avere maggiori poteri a livello di authority. Questa nuova strada percorsa può dare nuovo impulso ad un settore strategico ma finora poco regolamentato in merito all’ottimale tutela per i viaggiatori." L’Adoc ricorda che la conciliazione è applicabile retroattivamente dal 1° luglio 2010, relativamente alle controversie sui viaggi concernenti Alitalia e le altre società del Gruppo.

Comments are closed.