Arci Servizio Civile: Rapporto 2004, in 3000 scelgono la solidarietà

"Nel corso del 2004, l’Arci ha impegnato, attraverso i propri soci e partner, 3096 volontari su 563 progetti" . Con queste parole Vincenzo Donadio, responsabile Arci Servizio Civile ha aperto la presentazone del Rapporto 2004 sulle attività dellì’associazione. Dal rapporto emerge che l’area di maggior impegno progettuale è senz’altro la promozione culturale (57,2% dei progetti), segue l’area assistenziale (31,8%) e quella ambientale (11%). "Il profilo dei volontari che emerge dal lavoro di monitoraggio – prosegue Donadio – è quello di giovani particolarmente attivi da un punto di vista civico, studiosi (17,2% laureati e 47,0% giovani universitari), con competenze elevate ed esperienza lavorativa, di età media pari a 23,5 anni. Si tratta, nella quasi totalità dei casi, di ragazze (95,3%) con soli 37 ragazzi (4,7%)".

La sfida più ambiziosa del Rapporto, realizzato dall’Istituto per la ricerca sociale (IRS) di Milano per conto dell’Arci Servizio Civile Nazionale di Roma, consiste nella stima dei risultati economici e sociali del sistema Arci SCN e la produttività sociale delle attività messe in campo. Secondo tali stime – ha dichiarato Stefano Cima, ricercatore dell’IRS – nel 2004 l’investimento complessivo dell’associazione è stato di 17,5 milioni di euro per l’impiego di 3096 volontari; i benefici stimati sono pari a 31,3 milioni di euro con un bilancio netto di quasi 14 milioni di euro , equivalente ad un rendimento del 78,2%. A ciò va considerata – ha concluso Cima – la difficoltà nel considerare e valutare la ricaduta positiva sulla collettività in termini di creazione di capitale sociale.

Comments are closed.