BANCHE. ABI: 15% italiani disposti a comprare servizi finanziari oltre confine

Acquistare prodotti finanziari in altri paesi dell’Unione Europea e scegliere soluzioni di investimento o risparmio del proprio denaro anche oltre confine? Ad oggi solo l’1% dei cittadini europei ha acquistato prodotti finanziari in un altro Paese dell’UE, mentre per i beni e i servizi non finanziari la percentuale di chi ha effettuato acquisti fuori dai confini nazionali sale al 25%. Il 15% dei clienti europei dichiara di essere già pronto a acquistare prodotti finanziari a livello cross-border. L’integrazione europea del mercato dei servizi finanziari al dettaglio, dunque, è ancora lontana e "questa frammentazione – ha sottolineato il direttore generale dell’ABI Giuseppe Zadra – ha ripercussioni negative e penalizzanti anche per lo sviluppo, in chiave europea appunto, dei singoli settori finanziari nazionali, tra cui quello italiano". Ma la fornitura di servizi finanziari a livello cross-border dovrebbe intensificarsi nel medio-lungo termine grazie ad un quadro normativo europeo più definito e alla maggiore diffusione dell’e-banking.

Il punto della situazione è stato fatto oggi a Milano, nel corso del Forum dell’Osservatorio European Banking Report, la think tank ABI sui mercati finanziari europei, dedicato al tema "L’integrazione del mercato bancario retail in Europa: opportunità e sfide".

Comments are closed.