BANCHE. ABI: riprendono prestiti bancari per acquistare immobili

All’inizio del 2010 sono ripresi i prestiti bancari per l’acquisto di abitazioni. "Alla fine di gennaio 2010, in Italia, lo stock di mutui per l’acquisto di immobili ha superato i 282 miliardi di euro, con un tasso annuo di crescita di quasi il più 7%, sui livelli di due anni prima": è quanto rileva l’ABI Monthly Outlook di marzo, dopo la flessione registrata nel 2008 e nel 2009, quando i dati disponibili parlavano di un rallentamento dell’acquisto di immobili di tutte le tipologie.

Per l’ABI "occorre, tuttavia, sottolineare come la diminuzione dei prezzi del mercato immobiliare italiano risulti inferiore a quella verificatasi in altri Paesi, a dimostrazione della maggiore stabilità strutturale del mercato immobiliare italiano, indotta anche dal minor grado di indebitamento delle famiglie e delle imprese".

All’aumento del 7% in Italia corrispondono tassi più bassi nell’area euro: più 3,9% in Francia, meno 0,2% in Spagna, più 1,3% in Olanda e più 0,3% in Germania. L’ABI rileva che "la sensibile riduzione dei tassi di interesse registratasi negli ultimi mesi, unitamente alla maggiore propensione delle famiglie italiane verso il mattone – "bene rifugio" per antonomasia – ha verosimilmente rappresentato un fattore di stimolo per le famiglie ad attivare decisioni di spesa rivolte a beni immobili".

Per l’ABI, il tasso di interesse applicato dalle banche per i nuovi acquisti di immobili (media fisso e variabile) è diminuito dal 4,79% di gennaio 2009 al 2,75% di gennaio 2010 e per febbraio si stima al 2,68%.

Comments are closed.