BANCHE. Abi: contrarie a nuova tassa

Nessuna tassa sulle banche. Gli Istituti di credito del nostro Paese sono categoriche e si dicono contrarie all’introduzione di nuove imposte indipendentemente dalla loro finalità. "Il sistema bancario italiano – sostiene l’Abi in una nota – ha retto meglio degli altri ai colpi delle turbolenze dei mercati, come hanno riconosciuto più volte anche esponenti delle Autorità italiane e internazionali, senza pesare sul bilancio pubblico in termini di aiuti per far fronte alle difficoltà".

Secondo l’Associazione Bancaria "il nuovo prelievo ridurrebbe le risorse del sistema che ha garantito supporto a imprese e famiglie anche con le iniziative dell’"avviso comune" e della sospensione dei mutui dei nuclei familiari in particolari situazioni di difficoltà. Dunque una nuova tassa potrebbe avere effetti sulla capacità di finanziamento all’economia reale".

"L’auspicio è che il nostro Governo rappresenti e difenda le specifiche caratteristiche delle banche italiane in tutte le sedi europee e internazionali, cercando di far affermare a livello comunitario queste caratteristiche che hanno permesso al settore bancario del nostro Paese di reggere l’impatto della crisi,dando un contributo essenziale alla stabilità del paese" conclude l’Abi.

Comments are closed.