BANCHE. Abi: nel 2009 rapine diminuite e bottino in calo

Le rapine in banca sono diminuite del 19,3% nel 2009 rispetto all’anno precedente, confermando una tendenza già registrata lo scorso anno; è diminuito anche il bottino medio per rapina, che si ferma a circa 21 mila euro, e il bottino complessivo, pari a 36,8 milioni di euro contro i 43,4 milioni dell’anno precedente. Sono i dati principali dell’Ossif, il Centro di ricerca dell’Abi in materia di sicurezza, presentati oggi a Roma al convegno Abi "Banche e Sicurezza 2010".

Nel 2009 le rapine allo sportello sono state 1.744 con un calo del 19,3% rispetto alle 2.160 compiute nel 2008, pari a circa 35 rapine in meno al mese. I rapinatori agiscono in pochi minuti e due volte su tre il bottino non arriva a 15 mila euro. In particolare, i rapinatori hanno colpito soprattutto di lunedì e venerdì (rispettivamente 24% e 25% dei colpi commessi), nella fascia oraria che va dalle 11 alle 13.30 del mattino (37%). Ma i bottini più ricchi si sono registrati di lunedì (27,6 mila euro), prima dell’apertura della filiale (41 mila euro) o nel tardo pomeriggio dopo la chiusura al pubblico degli sportelli (68 mila euro). Quasi due terzi delle rapine, inoltre, sono durate meno di tre minuti (62%) e nell’51% dei casi a commetterle è stata una coppia di malviventi (nel 33% il rapinatore ha agito da solo).

Intanto aumentano gli investimenti delle banche in sicurezza: nel 2009 in questo settore sono confluiti circa la metà degli investimenti, che hanno portato a sistemi di allarme di ultima generazione (adottati dal 90% delle filiali); videoregistrazione utile per identificare i malviventi (87,5%); metal detector (54%); dispositivi biometrici (7,7%); videosorveglianza (16%); vigilanza (14,5%); dispositivi ad apertura ritardata (75,5%); tracciabilità delle banconote (2,5%); erogatore automatico di banconote (17,5%).

Comments are closed.