BANCHE. Antitrust, taglio commissioni interbancarie. Le valutazioni delle AACC

Il taglio delle spese bancomat, con la decisione dell’Antitrust di rendere vincolanti gli impegni di ABI e Consorzio Bancomat, raccoglie immediatamente la reazione dei Consumatori. "Bene, come al solito, l’intervento dell’Antitrust, le cui istruttorie hanno costretto Abi e Consorzio Bancomat ai tagli, dal 3 al 36%, dei costi delle commissioni interbancarie per bancomat, pagobancomat, domiciliazione delle bollette e pagamenti con ricevuta bancaria. È mai possibile che, senza un intervento dell’Antitrust, non si possa aspirare a rapporti chiari e limpidi, che non siano tesi solamente a lucrare a danno della clientela finale?": è quanto commentano in una nota congiunta Adusbef, Federconsumatori e Movimento Consumatori. Che aggiungono: "Ben venga l’azione dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, alla quale, ribadiamo ancora una volta, dovrebbero spettare a nostro parere maggiori poteri, anche di carattere sanzionatorio".

Diverso il commento del Codacons, per il quale "i tagli alle commissioni interbancarie per Bancomat, Pagobancomat e per la domiciliazione delle bollette previsti dall’accordo tra Abi e Consorzio Bancomat non porteranno ad alcun vantaggio in favore degli utenti". Commenta il presidente Carlo Rienzi: "Difficilmente le banche trasferiranno i tagli sui correntisti e, anche qualora decidessero di farlo, compenserebbero le riduzioni introducendo nuovi balzelli a carico dei consumatori o rincarando quelli già esistenti".

Comments are closed.