BANCHE. Bilancio Sociale Mps: attenzione a clienti, ambiente e fasce deboli

Oltre tre miliardi di euro di ricchezza: il valore aggiunto generato nel 2006 dal Gruppo Monte dei Paschi di Siena. È quanto emerge dal Bilancio sulla responsabilità sociale dell’istituto, presentato oggi a Roma dal presidente Giuseppe Mussari e dal direttore generale Antonio Vigni.

Gli interventi pianificati dal Gruppo Mps sono incentrati principalmente in tre settori:
la relazione con i clienti, l’inclusione finanziaria dei soggetti in difficoltà e l’ambiente. Inoltre
vanno considerati gli oltre 38 milioni di euro che il Gruppo bancario ha erogato in
sponsorizzazioni ed elargizioni alle comunità di riferimento per scopi sociali nel corso del
2006.

Il Gruppo Mps, per il secondo anno consecutivo, ha condotto un’indagine estesa di customer satisfaction presso la clientela retail, con risultati che confermano la positività dell’azione del Gruppo bancario, finalizzata a migliorare la qualità dei servizi, sviluppando relazioni efficaci e durature. L’indagine mostra un quadro più che buono: i reclami sono diminuiti in un anno del 23%, ed il 75% dei clienti si dichiara soddisfatto del proprio rapporto con la Banca. Soddisfazione che si traduce in un tasso di retention di oltre il 93%.

Questi risultati sono il frutto della politica di centralità del cliente attuata anche grazie a Consumer Lab: un accordo con 15 delle principali associazioni dei consumatori per migliorare la trasparenza ed il dialogo con la clientela, che Banca Mps ha rinnovato per altri due anni. Il rapporto con i consumatori non si limita alla clientela tradizionale, ma riguarda anche quei soggetti – precari, giovani coppie, immigrati ed anziani – che hanno difficoltà ad accedere ai canali standard del credito. Per loro sono stati creati prodotti dedicati che hanno portato, ad esempio, il Gruppo Mps ad essere al secondo posto in Italia per i servizi agli immigrati (116mila conti e 35mila mutui).

Numeri rilevanti anche sul fronte ambientale, come i 130 milioni di finanziamenti per le energie rinnovabili ed il 94% dell’elettricità acquistata da fonti pulite come l’eolico ed il solare. L’attenzione alle problematiche ambientali è dimostrata anche dalla gestione della carta, il cui consumo giornaliero è sceso a 48 fogli di media (rispetto ai 52 dello scorso anno) per dipendente, permettendo così di salvare in un anno tanti alberi quanti ne starebbero in un bosco della grandezza di cinque campi di calcio, e dal progetto Ecoprint per la rigenerazione ed il riciclaggio delle cartucce di toner.

Negli ultimi tre anni, grazie alla politica di risparmio energetico, il Gruppo Mps ha evitato
l’emissione di 20mila tonnellate di CO2, pari al quantitativo annuo generato da una
centrale termoelettrica per la fornitura di elettricità ad una città come Siena (50mila
abitanti). Tra i prossimi obiettivi, pianificati dall’agenda strategica 2007-2009 ci sono il
codice di condotta a livello di Gruppo (che orienterà le strategie di crescita nel rispetto di
principi etici) ed un articolato programma di engagement, ovvero l’ascolto delle esigenze
della clientela, delle comunità di riferimento e di tutti i portatori di interesse.

 

Comments are closed.