BANCHE. Cancellazione ipoteca, CTCU: “Rinviarla finché Governo non abolisce obbligo atto notarile”

Dopo essere stata la prima Associazione dei consumatori a denunciare il passo indietro del Governo rispetto alla semplificazione della cancellazione delle ipoteche sui mutui, introdotta con le liberalizzazioni di Bersani, il Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano torna sulla questione. E lo fa chiedendo al competente Ufficio del Libro Fondiario (ufficio tavolare) di Bolzano, come nella realtà viene applicata la nuova norma (DLgs n. 218/2010).

La risposta è stata: attualmente, il presupposto indispensabile per le cancellazioni di ipoteche di mutui non fondiari, che siano intervenute dal 2 gennaio 2011, è l’atto notarile. Solo così sarà possibile procedere con la cancellazione. Pertanto l’ambito di applicazione della "cancellazione semplificata" e gratuita delle ipoteche è circoscritto ai mutui fondiari.

Si ricorda che il mutuo si estingue alla data di avvenuta estinzione dell’obbligazione garantita; quindi se l’obbligazione garantita si è estinta prima del 2.1.2011, per la cancellazione della relativa ipoteca si applicherà il "sistema semplificato", senza l’utilizzo dell’atto notarile, indipendentemente dal fatto se si sia in presenza di mutuo fondiario o meno.

Inoltre, su indicazione del Libro Fondiario, l’individuazione della tipologia di mutuo fondiario la si deve desumere o dal titolo dell’atto di mutuo o dal richiamo all’art. 38 del testo unico bancario d.lgs n. 385/1993.

L’appello lanciato dal CTCU con la richiesta di reintroduzione immediata della procedura semplificata di cancellazione delle ipoteche, è stato ripreso da Help Consumatori ed ha spinto il PD a presentare una risoluzione alla VI Commissione della Camera dei deputati, con una richiesta formale di chiarimento della norma. Il Governo si è impegnato ad adottare una norma interpretativa che chiarisca la questione. Il CTCU, auspica che il Governo reintroduca il sistema previsto dal Decreto Bersani e consiglia ai consumatori, per quanto loro possibile, di rinviare la cancellazione di ipoteche relative a mutui non fondiari, fintantoché il Governo non si sarà espresso in materia.

 

Comments are closed.