BANCHE. Commissione UE deciderà se aprire procedimento contro Italia per Opa straniere

La Commissione europea deciderà "entro pochi giorni" se avviare o meno una procedura d’infrazione contro l’Italia in relazione al comportamento della Banca d’Italia nella battaglia delle opa straniere. Ne ha dato notizia Oliver Drewes, portavoce del Commissario UE al Mercato interno Charlie McCreevy: In occasione dell’Ecofin, McCreevy aveva affermato infatti di essere favorevole ad un’azione legale nei confronti dell’Italia. E a questo proposito Drewes ha affermato che "sapremo entro pochi giorni se avvieremo o meno una procedura formale nei confronti dell’Italia". Non è ancora stato deciso, ha spiegato Drewes, "in quale riunione del Collegio verrà discusso questo argomento, se la prossima settimana oppure in altra data". Anche Jonathan Todd, portavoce del Commissario alla Concorrenza, Neelie Kroes, ha spiegato che "i commissari McCreevy e Kroes hanno sempre lavorato fianco a fianco su tutti gli aspetti di questa vicenda e non ho ragione di pensare che non continueranno a farlo". Il portavoce del Commissario Kroes non si è sbilanciato sulla posizione che il Commissario ha in relazione ad un’eventuale procedura di infrazione da parte del commissario al Mercato Interno Charlie McCreevy contro l’Italia,

Secondo il Commissario Kroes, "la situazione relativa alla vicenda Bankitalia non è cambiata: stiamo continuando a monitorare attentamente gli sviluppi, se ci fossero decisioni o indicazioni da parte della magistratura italiana che potessero indicare che Fazio ha agito, per esempio, in base a criteri prudenziali non giustificati, allora potrebbe esserci una violazione del regolamento comunitario sulle fusioni" e in base al quale "la Commissione – ha concluso Kroes – ha competenza esclusiva sulle fusioni di dimensioni europee".

Comments are closed.