BANCHE. Ddl Lega Nord per ridurre spese a carico dei consumatori

"Dev’essere fatto uno sforzo in piu’ dal sistema bancario italiano per ridurre le spese a carico dei consumatori e garantire loro una maggiore trasparenza". A dichiararlo e’ la deputata leghista Silvana Comaroli che ha presentato una proposta di legge (n.3645) finalizzata ad apportare due modifiche al Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. "La proposta – spiega la deputata della Lega – e’ di porre a carico dell’intermediario e non del consumatore gli oneri che sono esclusi dal calcolo del TAEG, il Tasso annuo effettivo globale che e’ l’indicatore di tasso di interesse di un’operazione di finanziamento (es. un prestito, l’acquisto rateale di beni o servizi). Questo – spiega la parlamentare in una dichiarazione – per garantire maggiore trasparenza al consumatore che, altrimenti, potrebbe vedersi addebitato spese e oneri che non compaiono nel calcolo del TAEG. Chiediamo inoltre che venga aggiunto un articolo al Testo unico, vietando agli istituti di credito di variare le spese accessorie dei mutui e dei prestiti durante il piano di rimborso dei prestiti". La Comaroli conclude sottolineando come "in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo sia giusto che anche le banche vengano incontro alle esigenze dei cittadini con atti concreti".

Comments are closed.