BANCHE. Federconsumatori e Adusbef: con nuovi accordi ci sia più trasparenza e solidità

Si apra una nuova stagione per la solidità e la trasparenza del sistema bancario, con reali controlli. È il commento di Federconsumatori e Adusbef al via libera all’accordo di Basilea 3, che prevede requisiti patrimoniali più stringenti e severi per gli istituti di credito e l’operatività delle banche, in modo che abbiano più risorse per gestire eventuali crisi come quella dei mutui subprime. La riforma dovrà avere il vaglio ufficiale del G20 di novembre.

"Le nuove regole sottoscritte con l’accordo Basilea 3, all’insegna di una maggiore solidità, di una maggiore trasparenza e chiarezza del sistema bancario, sono, come sosteniamo da tempo, provvedimenti indispensabili, soprattutto alla luce delle vere e proprie catastrofi verificatesi in passato in questo settore, solo per citare l’ultima, il crack Lehman", commentano Federconsumatori e Adusbef, che rivendicano e sottolineano soprattutto due questioni:"verifiche e controlli stringenti, reali ed effettivi, che non diano luogo, come in passato, ad una pervicace e sempre presente collusione tra organismi di controllo e sistema bancario; evitare in maniera categorica che, come già qualche segnale lascia presagire, si verifichino aumenti del costo del denaro del tutto ingiustificati, soprattutto in Italia, dove il differenziale rispetto ad altri paesi è già superiore dello 0,5% sui mutui, e di oltre il 2% sul credito al consumo".

Comments are closed.