BANCHE. Federconsumatori presenta esposto verso Unicredit per pratiche commerciali scorrette

Federconsumatori presenta un esposto all’Antitrust nei confronti del gruppo Unicredit per pratiche commerciali scorrette. A partire dal 1° febbraio, secondo quanto risulta all’associazione dalle segnalazioni di diversi consumatori, "tutti i clienti che intendono versare, tramite assegni o contanti, somme di qualsiasi importo, non possono rivolgersi al personale della singola filiale, ma devono procedere al versamento esclusivamente tramite i bancomat". L’interazione con il personale dipendente, sottolinea Federconsumatori, è invece una pratica "quanto mai necessaria, in particolare per gli anziani e per le persone poco pratiche dei meccanismi automatici. Così operando, inoltre, tutti i clienti sarebbero costretti ad essere muniti di tessera bancomat, con ulteriori costi".

Se non ci si rivolge a questi servizi, continua l’associazione, bisogna pagare una commissione di 3 euro per ogni operazione di versamento e solo in questo caso si ha l’assistenza del personale. La stessa commissione di 3 euro viene applicata per prelievi per somme inferiore ai 1500 euro, mentre "per i prelievi superiori non è dovuta alcuna commissione, a quello che è dato sapere". Secondo Federconsumatori, "tale condotta appare poco corretta e lesiva degli interessi dei consumatori ed utenti, a maggior ragione dal momento che non è dato sapere se la misura delle suddette commissioni è stata indicata nei prospetti analitici e sintetici, relativi alla trasparenza delle condizioni bancarie. Le modalità commerciali appena descritte, inoltre, risultano particolarmente penalizzanti per alcune categorie e fasce più deboli, quali pensionati, anziani, persone poco pratiche dei meccanismi automatici".

Comments are closed.