BANCHE. Fusione Unicredit – Capitalia, positivo il commento dell’Abi

"Un’operazione di mercato positiva, che testimonia l’ottimo stato di salute di un settore bancario sempre più dinamico e vitale, dove si è ormai affermata una cultura industriale moderna, fondata su efficienza e competizione". Il Presidente dell’Abi, Corrado Faissola, ha commentato così la notizia dell’accordo tra Unicredit e Capitalia, sottolineando anche che "dopo le altre importanti fusioni realizzate nei mesi scorsi, l’aggregazione tra questi due gruppi di primissimo piano nel panorama bancario italiano ed europeo è un ulteriore passo verso il completamento di quel processo di crescita e consolidamento in atto già da tempo nel mondo bancario".

"Questa importante iniziativa – ha aggiunto Faissola – darà vita alla prima banca dell’Eurozona e alla settima nel mondo per capitalizzazione di mercato. Un gruppo di queste dimensioni non può che rappresentare un contributo significativo per la nostra competitività e un sostegno importante per tutte quelle imprese che vogliono internazionalizzarsi". Il Presidente dell’Abi ha commentato positivamente anche l’aggregazione tra Banca Popolare di Milano e Banca Popolare dell’Emilia Romagna, dalla quale "nascerà un’altra grande realtà che – ha concluso Faissola – certamente saprà raccogliere l’eredità di due banche importanti come le popolari coinvolte nell’operazione".

Comments are closed.