BANCHE. Home banking, Abi: in aumento le donne e i clienti “maturi”

In tre anni le donne che utilizzano l’home banking sono aumentate del 20%, passando dal 27% del 2005 al 32% del 2008. E tra gli utilizzatori dell’online ci sono sempre di più i clienti più "maturi": il 16% di chi utilizza l’home banking per gestire le operazioni di conto ha più di 55 anni, un terzo in più rispetto al 2005. Internet insomma si apre a nuove fasce di clientela, e piace sempre di più, secondo la fotografia scattata dall’ultima indagine dell’Abi, realizzata dall’Ufficio Marketing e Customer Satisfaction in collaborazione con GfK Eurisko.

In tre anni sono cresciuti del 62% i clienti bancarizzati che hanno utilizzato il servizio di Internet banking con la propria banca di riferimento, dal 16% del 2005 al 26% circa del 2008. Nel dettaglio, il 54% degli home bankers risiede nel nord del paese e il 25% nel sud e isole; un quarto vive in centri con più di 100.000 abitanti. Sono in genere clienti di cultura elevata: circa la metà di essi ha infatti un’istruzione media superiore e il 20% è laureato.

L’home banking resta comunque una preferenza degli uomini (nei due terzi dei casi), soprattutto giovani (il 35% dei clienti ha meno di 35 anni), gli over 55 che navigano in rete rappresentano la fascia di clientela per età con il più alto tasso di crescita in tre anni: del 20% per la clientela tra i 55 e i 64 anni, del doppio (+50%) per quella tra i 65 e i 74 anni (ma si passa dal 2 al 4%).

Dati interessanti emergono anche dal punto di vista delle potenzialità fornite dalla rete: i clienti che navigano in rete e "surfano" tra i siti delle banche raccolgono informazioni e confrontano i prezzi di prodotti e servizi in misura doppia rispetto al cliente che utilizza solo i canali tradizionali. Alta inoltre la percentuale dei clienti "tecnologici", quasi il 49% (il 38% per la clientela "tradizionale"), che tramite il passaparola condividono informazioni e notizie sulle offerte di prodotti e servizi finanziari della propria banca con parenti, amici e colleghi.

 

Comments are closed.